IPTV: chiuso il servizio per gli utenti TIM, Vodafone e Wind ma c'è una soluzione

Gran parte del pubblico quando ha ottenuto la possibilità di avere un abbonamento IPTV non ha ben concepito la gravità della situazione. Infatti il servizio illegale può portare a grosse multe e soprattutto va a danneggiare estremamente le aziende che vivono di Pay TV. 

Ad esempio Sky ha perso svariati milioni di euro proprio negli ultimi anni a causa di questo sistema pirata che non accenna ad indietreggiare. Tutto è dovuto ai flussi video delle grandi aziende, i quali vengono rubati e ritrasmessi mediante internet, in modo da non usare infrastrutture proprietarie che comportino costi. Per questo l’IPTV ha tirato su un vero e proprio impero. (Per le migliori offerte sui decoder Android e sulla merce Amazon, ecco il nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare).

Leggi anche:  IPTV ritorna: i sequestri non bastano, attive nuove linee con la VPN

 

IPTV: ecco la batosta riportata dal servizio e dagli utenti in quest’ultimo mese, ci sarebbe però già la soluzione

Da quando esiste l’IPTV ha riportato solo successi se cos’ si possono definire. Tutto ciò che ruota intorno a questo servizio non ha praticamente nulla di regolare ed infatti le sanzioni sono in agguato. Ultimamente però il tribunale di Milano si è esposto con una sentenza che ha portato i grandi gestori a bloccare un noto portale.

Infatti gli utenti non potranno più accedere a No Freeze IPTV, sito che permetteva di guardare tutti i canali IPTV. Ovviamente la soluzione a tutto ciò era già pronta dietro l’angolo, con la creazione di reti VPN pronte a bypassare ogni forma di controllo.