9-cose-non-sapevi-poter-google

Google ha dichiarato di aver rimosso un totale di oltre 2,3 miliardi di annunci non validi lo scorso anno. Più di un quarto di milione all’ora. La società ha anche introdotto un divieto di annunci di criptovaluta, sebbene consenta agli scambi regolamentati di criptovaluta di fare pubblicità negli Stati Uniti e in Giappone.

Utilizzando entrambe le revisioni manuali e l’apprendimento automatico, nel 2018, Google ha dichiarato la rimozione di 2,3 miliardi di “cattivi annunci” che violavano le sue politiche. Il piano è di impedire che gli annunci pubblicitari ingannino o sfruttino persone vulnerabili. Oltre a ciò, Google ha affrontato l’ennesimo enigma delle “cattive pubblicità”.

Individuando e chiudendo i siti che violano le policy e anche approfittando dell’uso della sua rete pubblicitaria, Google ha detto di aver rimosso gli annunci da 1,5 milioni di app e quasi 28 milioni di pagine. Oltre agli annunci fuorvianti, come la vincita di un premio, la società ha anche affrontato una battaglia con coloro che violano le linee guida tecniche.

Google ha già preso provvedimenti in passato

In particolare, la cifra di 2,3 miliardi di Google è di circa 1 miliardo in meno rispetto alla pubblicità rimossa lo scorso anno per violazioni delle norme. Google ha continuato a migliorare la sua capacità di tracciare e bloccare questi annunci. La società ha fatto notare che il numero più basso in precedenza era dato dall’eliminazione di account non validi anziché singoli annunci.

Leggi anche:  Kubernets Engine compie 5 anni: Google Cloud ne celebra i successi

“Rimuovendo un account non valido, stiamo bloccando qualcuno che potenzialmente potrebbe generare migliaia di annunci non validi”, ha detto un portavoce della società. “Questo aiuta ad affrontare la causa principale degli annunci sbagliati e ci consente di proteggere meglio i nostri utenti.”

La società genera l’83% delle sue entrate dagli annunci pubblicitari. Essi sono stati evidenziati in tre categorie: rivenditori di biglietti, obbligazioni su cauzioni e link falsi utilizzati per tentativi di phishing. Per quegli inserzionisti che violano inavvertitamente le regole, Google sta introducendo un nuovo Policy Manager per gli annunci il mese prossimo.