tesla-promette-di-dimezzare-i-tempi-di-ricarica-con-v3-supercharging
Come promesso, Tesla ha svelato la terza versione di Supercharging, la ricarica ad alta potenza per le sue macchine elettriche. La promessa è che la nuova tecnologia ridurrà i tempi di ricarica, in media, del 50 percento.

I picchi massimi arrivano fino a 250kW per auto grazie a ad un nuovo cavo raffreddato a liquido. Inoltre, le nuove stazioni non dividono l’energia tra più auto. In questo modo, gli utenti avranno sempre la massima velocità disponibile. Sui veicoli più efficienti, come Tesla Model 3, la società si aspetta 75 miglia di carica in soli 5 minuti.

Tesla introduce anche miglioramenti software

V3 Supercharging “consente ai veicoli Tesla di caricare più velocemente di qualsiasi altro veicolo elettrico sul mercato oggi.” Ciò fino a quando i veicoli che supportano la carica da 350kW, come il Taycan di Porsche e il SUV E-Tron di Audi, entreranno nel mercato.

Non tutti i cambiamenti riguardano i caricatori. Ci sono aggiornamenti software che si stanno diffondendo sulle auto (prima Model 3, poi S e X)e una nuova funzionalità chiamata “On-Route Battery Warmup“. Quando un proprietario naviga verso una stazione di ricarica, la sua auto si accerterà che la batteria raggiunga una temperatura ottimale all’arrivo, il che, secondo Tesla, può ridurre i tempi medi di ricarica del 25%.

Leggi anche:  Elon Musk è di nuovo nei guai: potrebbe abbandonare la piattaforma Twitter

Tesla ha lanciato la sua prima stazione di Supercharger nel settembre 2012. Da allora, la società ha aperto 12.888 Supercharger a 1.441 stazioni in tutto il mondo, e altri sono previsti per l’apertura quest’anno. Con i nuovi V3 Supercharger e i miglioramenti al software dell’azienda (come la nuova funzione On-Route), Tesla dice che dovrebbe essere in grado di gestire la ricarica per tutte le nuove auto che arriveranno dopo il grande anno del Model 3 nel 2018.