huawei-azione-legale-contro-stati-uniti-per-il-divieto-di-utilizzo-dei-suoi-prodotti

La società di telecomunicazioni cinese Huawei ha annunciato di aver citato in giudizio il governo degli Stati Uniti. La società continua a respingere le accuse di rischio per la sicurezza nazionale.

Come previsto, l’annuncio sembra essere un tentativo di costringere il governo degli Stati Uniti a mostrare le ragioni per cui è stato impedito la tecnologia dell’azienda. La causa mira a contestare la “costituzionalità” della Sezione 889 del National Defense Authorization Act, parte del disegno di legge firmato dal presidente Donald Trump nel mese di agosto che ha limitato la tecnologia Huawei e ZTE ai lavoratori governativi.

Huawei afferma che gli Stati Uniti rallenterebbero la distribizione del 5G

Diversi dirigenti di Huawei sono saliti sul palco durante una conferenza stampa presso il quartier generale di Shenzhen, giovedì, per parlare di queste clausole. La causa è stata presentata mercoledì nel distretto orientale del Texas, a casa della sua sede statunitense.

Secondo il Wall Street Journal, mercoledì sera, la Casa Bianca ha fatto delle domande sulla causa di Huawei al Dipartimento di Giustizia, che ha rifiutato di commentare. Nella sua causa, la società sta cercando un’ingiunzione e chiede una dichiarazione.

Leggi anche:  Huawei, arrivano ulteriori dettagli sul nuovo sistema operativo

La società ha affermato di avere “una solida esperienza in materia di sicurezza informatica” e ha contestato le affermazioni del governo degli Stati Uniti. Secondo quest’ultimo, Huawei rappresenta una minaccia per la sicurezza nazionale come braccio spia per la Cina. La compagnia ha accusato il governo degli Stati Uniti di una campagna diffamatoria intesa a rovesciare la sua ricerca di reti 5G sui mercati internazionali. Ha inoltre affermato che gli Stati Uniti “hanno violato i server e rubato e-mail e  codice sorgente”.

“Forse il governo degli Stati Uniti ritiene erroneamente che trarrebbe beneficio dalla repressione di Huawei”, ha detto il presidente rotante dell’azienda, Guo Ping, durante la conferenza stampa. “Ma la verità è che limitare il contributo di Huawei alle reti 5G americane e di altre nazioni danneggerà solo i loro interessi nazionali. Una distribuzione più rapida di 5G può essere di beneficio a tutti i paesi. “