novità hi-tech 2019 smartphone pieghevoli

Siamo oltre la metà di febbraio e stiamo entrando in una settimana caldissima dal punto di vista delle novità tecnologiche dell’anno. Ve le abbiamo anticipate spesso, ma stavolta l’innovazione è pronta a stupirci.

Dal 20 febbraio conosceremo la nuova generazione di smartphone pieghevoli compatibili con la rete 5G, poiché Samsung presenterà il suo Galaxy S10 e subito dopo sarà la volta di Huawei e tutti gli altri. In più sul finire dell’anno 2019 dovremmo cominciare a vedere i primi effetti del passaggio al sistema di trasmissione televisivo DVB-T2, oltre alla possibile entrata di nuovi operatori di telefonia mobile.

 

Le novità del DVB-T2 e la rete 5G di Tim, Wind, 3 e Vodafone

I primi smartphone compatibili con la fiammante rete 5G saranno pronti a conquistare il mercato in estate, potendo così sfruttare l’iper velocità del nuovo standard di connessione. C’è qualche perplessità riguardo la tariffazione dei piani di Tim, Vodafone, Wind 3 e Iliad, ma si pensa che non costeranno cifre impossibili.

Notch, gotch e innumerevoli fotocamere. Alcuni produttori hanno deciso di rompere nettamente con il recente passato, come dimostra Honor con il View 20. Tra gli smartphone del 2019 vedremo anche le interpretazioni del concetto di foldable su cui anche LG e Xiaomi stanno investendo.

Leggi anche:  Intel protagonista del Mobile World Congress: ecco tutte le novità

La TV Digitale Terrestre cambierà aspetto grazie al prossimo standard di trasmissione DVB-T2, introdotto per far posto proprio allo sviluppo della rete 5G. Saranno richieste apparecchiature compatibili tra decoder e TV per vedere i canali in alta definizione. Pronti intanto 25 euro di bonus spesa contenuti nella Manovra di Bilancio 2018 del Governo.

Prima di calare il sipario, il 2019  potrebbe riservarci nuovi player tra gli operatori di telefonia. Colossi come Sky, Amazon e Google sono pronti a sbarcare in Italia e ad entrare sul mercato. Tra queste super aziende, sembra che Sky Mobile potrebbe essere la prima a scendere in campo. Google ha solamente finalizzato il progetto Google FI registrandone il marchio a livello Europeo. Infine, Amazon sta ancora valutando le proprie mosse e resta sullo sfondo.