esplode-samsung

Un uomo in Florida ha vissuto una brutta avventura: stava camminando, quando il suo telefono cellulare si è surriscaldato e si è incendiato. “Ha iniziato a diventare molto, molto caldo. Ho dovuto lasciarlo cadere a terra, non c’era nulla che potessi fare, guardarlo bruciare“, racconta Jonathan Wright.

Il device in questione di Wright era un Samsung Galaxy S5, non incluso nell’avviso della compagnia risalente al 2016 in cui si esortava gli utenti del Galaxy Note 7 a smettere di usare i propri dispositivi dopo che molti casi di surriscaldamento ed esplosioni furono registrati in più di un’occasione.

 

Un caso non isolato

Wright non è l’unico utente a sostenere che altri modelli di telefoni cellulari, che non sono stati menzionati mai in alcun avviso, siano andati in fiamme. “Gli smartphone sono ancora in giro, le batterie sono ancora in giro, le persone sono ancora in giro senza la minima idea che potrebbero letteralmente esplodere nelle loro mani”, ha detto alla NBC l’avvocato di Wright, Chris Mancini.

Ed è proprio la NBC ad aver condotto una ricerca sul sito web della Consumer Product Safety Commission e ha scoperto che altri quattro consumatori hanno presentato denunce relative a problemi di surriscaldamento con i loro telefoni Galaxy S5.

Leggi anche:  Galaxy Note 10 non avrà il jack per le cuffie e alcuni tasti (rumors)

Un cliente ha detto: “Un rumore mi ha svegliato con una visione surreale di un fuoco che brucia accanto al mio letto“. Un altro ha scritto di aver visto come il suo “telefono ha fumato dal punto in cui il caricabatterie è collegato al telefono“.

Samsung prende molto sul serio la sicurezza dei clienti e sosteniamo la qualità dei milioni di dispositivi Galaxy in uso negli Stati Uniti. Ci siamo avvicinati per ispezionare il dispositivo del signor Wright per saperne di più su quello che è successo. Samsung analizza qualsiasi dispositivo, è impossibile determinare la vera causa di incidenti“, ha detto un rappresentante di Samsung in una dichiarazione sul caso di Wright telefono.

Wright spera che l’indagine sarà rapida. “Penso che debbano capire cosa sta succedendo perché potrebbe essere mortale“, ha detto Wright.