Il modello di punta di iPhone sarà realizzato per la prima volta in India, afferma un nuovo rapporto. Ciò porterà l’attività dell’azienda nel mercato emergente ad un nuovo livello. Segue un recente rapporto secondo cui i dirigenti esecutivi di Apple si incontreranno con i funzionari governativi per discutere i piani di produzione.

La mossa vedrà anche il montaggio in India eseguito da Foxconn piuttosto che Wistron. Quest’ultimo è, attualmente, l’unico assemblatore Apple di iPhone nel paese.

Apple potrebbe mirare ad aggirare le tariffe di importazione

Apple Inc inizierà ad assemblare i suoi device di fascia alta in India attraverso Foxconn già nel 2019. È la prima volta che il produttore taiwanese realizza il prodotto nel paese, secondo una fonte familiare. È importante sottolineare che Foxconn assembla i modelli più costosi, come i dispositivi della serie iPhone X.

Fino ad ora Apple ha una piccola fetta di mercato degli smartphone in India, e finora si è concentrata solo su modelli a basso costo. Wistron attualmente produce localmente iPhone SE e iPhone 6S. Il rapporto non indica quali specifici modelli di iPhone saranno realizzati localmente, né è chiaro se i telefoni prodotti lì saranno venduti in India.

Leggi anche:  iPhone "economici" in arrivo nel 2020: ecco le prime specifiche

Una possibilità è che Apple stia cercando di evitare l’incerto futuro della guerra commerciale avviata con la Cina dall’amministrazione Trump. Infatti incrementare la produzione in altri paesi potrebbe essere un modo per aggirare le tariffe di importazione degli Stati Uniti sui beni prodotti in Cina. Recentemente alcune voci hanno suggerito che Apple potrebbe spostare la produzione di iPhone dalla Cina se le tariffe raggiungono il 25%.

Un rapporto all’inizio dell’anno ha delineato le sfide affrontate da Apple in India e un piano di crescita in cinque punti che la società avrebbe creato per affrontarli. Un numero maggiore di iPhone realizzati in India potrebbe anche aiutare Apple a raggiungere un requisito del 30% di prodotti realizzati localmente per ottenere l’autorizzazione del governo ad aprire Apple Store nel paese.