desossiribosio
Per la prima volta, gli scienziati hanno scoperto la presenza del 2-desossiribosio (lo zucchero che costituisce la spina dorsale del DNA) nello spazio. L’esperimento in laboratorio prevedeva di far esplodere il ghiaccio con le radiazioni. Il risultato, riportato il 18 dicembre su Nature Communications, suggerisce che ci sono diversi modi per la chimica prebiotica nello spazio e sostiene l’idea che gli elementi che costituiscono la vita sulla Terra potrebbero venire dallo spazio.

Questo esperimento ci fa capire che questo processo avviene ovunque, almeno nella nostra galassia“, dice l’astrochimico Michel Nuevo dell’AMes Research Centre della NASA a Moffett Field, in California.

Nuevo e i suoi colleghi hanno raffreddato ghiaccioli di acqua ghiacciata e metanolo a circa -260 ° C all’interno di una camera a vuoto e hanno fatto esplodere il ghiaccio con luce ultravioletta, imitando le condizioni delle nuvole interstellari. Il riscaldamento dei gelati ha simulato cosa succede quando nasce una giovane stella. Dopo aver analizzato i contenuti del ghiaccio, il team ha identificato il 2-desossiribosio e diversi altri tipi di zucchero prodotti in esperimenti simili in passato.

Leggi anche:  Alcuni astronomi hanno individuato segnali radio misteriosi fuori la galassia

 

Le conferme da alcuni esperimenti passati

Gli esperimenti che avevano prodotto ribosio, lo zucchero dell’RNA, suggerivano che gli zuccheri potevano essere ricavati da reazioni che coinvolgono la semplice molecola di formaldeide, che è stata trovata nelle comete. Ma queste reazioni portano sempre a zuccheri con più molecole di ossigeno di quanto non facciano con il desossiribosio, dice Nuevo.

Lo scienziato e i suoi colleghi hanno anche trovato semplici zuccheri nei campioni di meteoriti, ma non il desossiribosio. Ciò potrebbe suggerire che, sebbene il desossiribosio possa formarsi nel ghiaccio che precede le stelle, lo zucchero non è stabile nelle rocce che formeranno in futuro altri pianeti.

Due missioni di asteroidi in corso potrebbero essere in grado di aiutare a capire perché. La missione giapponese Hayabusa2 e la missione OSIRIS-REx della NASA porteranno nuovi campioni sulla Terra, che saranno analizzati dagli scienziati nella speranza di capirne di più.