e-cig
Il 15 novembre, Scott Gottlieb, commissario della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, ha annunciato nuove restrizioni sulle vendite di specifici gusti per sigarette elettroniche. La mossa è stata una risposta a un preoccupante aumento di vaping tra gli adolescenti nell’ultimo anno. “Gli e-cigs sono diventati una tendenza quasi onnipresente e pericolosa tra gli adolescenti“, ha avvertito, definendolo un “epidemia” in un discorso di settembre.

La sua richiesta non sembra essere esagerata. Nel 2018, il 20,8 percento dei liceali ha dichiarato di aver usato le e-sig almeno una volta negli ultimi 30 giorni, rispetto all’11,7 percento del 2017. Si tratta di un salto del 78 percento nell’uso di e-cig, basato sui dati del National Youth Tobacco Survey. Il 17 dicembre, il sondaggio di Monitoring the Future del 2018, un questionario sull’uso di sostanze, ha riportato aumenti davvero preoccupanti, riportati poi nel New England Journal of Medicine.

 

Un nuovo modo di svapare in America

Questo picco potrebbe essere dovuto all’uso del marchio di sigarette più venduto, Juul. Questo dispositivo vaporizza una sezione preriempita di liquido aromatizzato che contiene una maggiore concentrazione di nicotina rispetto ad altri e-cigs. Il dispositivo palmare assomiglia a una chiavetta USB e può essere utilizzato con discrezione, poiché non produce molto vapore. Un sondaggio condotto su 437 studenti delle scuole superiori della California ha rilevato che gli adolescenti hanno più probabilità di diventare consumatori regolari di Juul piuttosto che di altre e-cigs.

Una persona che inala e finisce una ricarica per Juul con 5 % di nicotina, assorbe all’incirca lo stesso quantitativo di un fumatore che consuma dalle 26 alle 40 sigarette, dice il tossicologo Gideon St. Helen dell’Università di California, San Francisco.