La piattaforma video di YouTube ha rimosso 7,85 milioni di video e 1,67 milioni di canali tra luglio e settembre. Tra l’altro, per la prima volta YouTube ha fornito l’elenco della cancellazione dei canali, nella maggior parte dei casi per spam o truffa. Inoltre è la prima volta che sappiamo anche la quantità di commenti rimossi.

Nell’ultimo anno, la società ha dovuto affrontare critiche sempre più forti per aver spinto gli utenti verso teorie cospirative e contenuti estremi tramite pubblicità mirate. C’è stato un lungo dibattito a riguardo. Il rapporto di recente pubblicato è il quarto rapporto di YouTube di questo genere. Il primo include informazioni sulla rimozione di canali rispetto a singoli video. Inoltre, in seguito alla rimozione di 1,67 milioni di canali, sono scomparsi anche altri 50,2 milioni di video.

YouTube disabiliterà completamente un canale se viola le norme o commette un’unica e grave violazione. Ad esempio per la circolazione di video pertinenti allo sfruttamento sessuale dei minori. La rimozione più importante dell’anno è avvenuta ad agosto. Qualche mese fa, infatti, YouTube ha eliminato il canale del teorico della cospirazione di destra, e conduttore della radio InfoWars, Alex Jones.

Youtube nell’occhio del mirino per video, canali e commenti contrari alla politica della piattaforma rimossi definitivamente

YouTube afferma che la maggior parte dei video rimossi – il 79,6 percento – ha violato le sue politiche su spam, contenuti fuorvianti o raggiri. Mentre il 12,6 percento è stato rimosso per nudità o contenuti sessuali. Solo circa l’1% dei canali è stato rimosso per la promozione della violenza, dell’estremismo violento, delle molestie o dei contenuti offensivi.

Leggi anche:  Clienti TIM, Vodafone, Wind e Tre infuriati con le truffe dei call center

L’amministratore delegato di Google, Pichai, ha affermato che YouTube “sta costantemente compiendo sforzi per affrontare la disinformazione”. Il nocciolo della questione è che, mentre le “Linee guida della community” di YouTube includono la rimozione di video che incitano al male o alla violenza, non rimuovono i video semplicemente per le falsità contenute. Sebbene le cospirazioni, come la famigerata teoria #Pizzagate che ha portato a sparare in una pizzeria di Washington, DC, possano alla fine ispirare atti di violenza, i video non lo fanno esplicitamente. Ciò significa che YouTube in genere non li rimuoverà.

Tutto questo ha colpito anche i bilanci finanziari di YouTube. Lo scorso marzo, i migliori marchi hanno ritirato le loro pubblicità dal sito. YouTube ha affermato che l’80% dei video rimossi nel terzo trimestre sono stati rilevati per la prima volta e che il 74,5% non ha mai ricevuto una singola visualizzazione. Infine, come accennato prima, YouTube ha anche dichiarato il numero di commenti violenti rimossi, e sono già a quota 224 milioni.