Le operazioni di estrazione di bitcoin negli Stati Uniti e in Cina stanno affrontando chiusure drastiche. Il problema è il prezzo dei bitcoin il quale indica che potrebbero non esserci più dei ricavi redditizi.

La criptovaluta più preziosa al mondo è attualmente scambiata a circa 4.500 dollari, avendo perso quasi un terzo del suo valore nel giro di una settimana. Bitcoin mining – il processo di generazione di nuove unità della criptovaluta risolvendo enigmi complessi – richiede enormi quantità di energia elettrica per alimentare i computer che eseguono i calcoli.

La redditività dell’attività mineraria diminuisce quando il prezzo del bitcoin diminuisce. Se il prezzo scende troppo, le operazioni potrebbero non essere più economicamente redditizie. La più grande vittima finora è stata la società mineraria Giga Watt, con sede negli Stati Uniti. Essa è stata costretta a presentare richiesta per il capitolo 11 per fallimento questa settimana. Non era in grado di pagare debiti per circa 7 milioni.

Necessarie molte chiusure dopo il ribasso dei prezzi dei bitcoin, soprattutto negli USA e in Cina

La maggior parte delle operazioni di estrazione di bitcoin sono basate in Cina. Lì i costi dell’elettricità sono tra i più bassi al mondo. Eppure, nonostante l’elettricità a basso costo, le immagini e i video delle operazioni di data mining che si sono interrotte nel paese si sono diffusi tra i social media. Suanlitou, piattaforma mineraria con sede a Hon Kong, ha annunciato questa settimana che non è stato in grado di coprire le tariffe dell’elettricità per un periodo di 10 giorni a novembre.

Leggi anche:  Bitcoin, il mese di novembre è stato un disastro

Un altro gruppo di minatori di criptovalute cinesi ha inoltre chiuso 20.000 impianti di perforazione mineraria a causa del calo della redditività. Non è chiaro quale sarà il futuro per il prezzo del bitcoin. Alcuni analisti prevedono maggiori cadute, mentre altri si aspettano che il mercato subisca un’inversione di tendenza entro la fine dell’anno.