truffa PostepayAlcuni utenti Postepay sono stati chiamati a riscuotere un presunto premio in denaro che non sta né in cielo e né in terra. Avete mai avuto modo di ricevere un regalo simile? Chiaramente si tratta dell’ennesima truffa Poste Italiane concepita dagli hacker e totalmente estranea al gruppo.

Si presenta come la più classica delle frodi, con una semplice email le cui intenzioni sono chiare fin dalla lettura delle prime righe che si accompagnano al link fraudolento. Una manovra voluta dagli hacker per estorcere dati e soldi alle nostre spalle.

 

Truffa Postepay

La Polizia Postale interviene in merito ad una nuova truffa Postepay segnalata tra le pagine del gruppo Facebook “Una vita da social, dove si scorge l’impronta truffaldina dei cyber criminali.

Nel chiaro tentativo di ingannare gli utenti propongono soldi in regalo a seguito della semplice compilazione di un questionario cui si rimanda tramite il collegamento ad una pagina Internet indicata nel testo della lettera.

Semplici passaggi potrebbero portare all’accredito di un modesto bonus in denaro sul proprio conto. Giusto, “potrebbero”. Il risultato del nostro intervento, di fatti, porta ad un’unica ed amara conclusione: i soldi spariscono in un batter d’occhio e non si recuperano più.

Leggi anche:  Postepay, è cambiato tutto: ecco le novità che tutti i clienti devono sapere

Non c’è nessun regalo per noi ed il tutto fa chiaramente capo ad una manovra dei Black Hat voluta al solo scopo di estorcere dati sensibili e credito dai nostri conti. Il gruppo Posta Italiane non ha nulla a che vedere con la faccenda ed è quindi totalmente estraneo ai fatti.

Valgono le solite raccomandazioni. In primo luogo diffidate da questo genere di messaggi ed eventualmente chiedete un chiarimento direttamente al vostro istituto. Una volta appurato il fatto che si tratta di un raggiro inserite i mittente nella vostra lista nera e cestinate il messaggio. Non fatevi ingannare da questi messaggi, nessuno regalo niente.

La stessa cosa, tra l’altro, sta accadendo per alcuni utenti contattati dall’Agenzia delle Entrate messi in allarme dalla minaccia di nuove sanzioni dovute ad un ipotetico mancato pagamento.