call center trading online

Il lavoro dei telefonisti dei call center non va mai in vacanza, pertanto tali fastidi continueranno sempre ad accompagnare le nostre giornate autunnali. Alcuni di questi operatori fraudolenti lavorano legalmente per società legate in qualche modo a Tim, Wind, Tre e Vodafone.

Da questi call center partono telefonate a qualsiasi ora della giornata per proporvi sempre offerte migliori della vostra tariffa, oppure cambi di operatore imperdibili. Il problema non è tanto nell’ascoltare ciò che hanno da proporti, ma dietro i call center ci sono anche delle persone disoneste che ci rubano i dati personali o ci appioppano abbonamenti mai da noi richiesti.

 

Call center di Tim, Wind, Tre e Vodafone: ecco come ti truffano

Parlare di intento diabolico riferendoci a questi maestri criminali del call center è dir poco. Generalmente, l’operatore che ci chiama al cellulare spesso fa domande semplici per invogliarci, in un modo o nell’altro, a rispondere con un “sì”. E la truffa parte proprio da quel momento, poiché la nostra voce verrà successivamente manipolata al computer per rispondere a determinate domande al posto nostro.

Leggi anche:  Call Center addio grazie ad Android: riconoscere le chiamate sarà un gioco da ragazzi

Anche se non abbiamo aderito a nessuna delle proposte ricevute via telefono, il tanto agognato contratto o cambio operatore sarà comunque addebitato alla nostra utenza. Spesso, le proposte a cui abbiamo più o meno consapevolmente aderito non sono neanche vere, o comunque imprecise. I clienti ne rimangono sconcertati e, quando le associazioni dei consumatori si lamentano di queste pratiche illegali con gli stessi Wind, Vodafone, Tim o Tre, le autorità riescono a fare poco.

Però dalle truffe dei call center si può uscire. In realtà, basta fare esercizio e non rispondere mai con la sillaba “sì” alle domande degli operatori. Quando la conversazione non andrà come i criminali si aspettano all’altro capo del telefono, vedrete che saranno loro a riagganciare da sconfitti.