WhatsApp: l'aggiornamento è mirato alla sicurezza, ecco cosa cambia per tutti

Cosa esiste di più inconsistente della privacy su WhatsApp? A discapito dei tanti sforzi datti dal team degli sviluppatori la sicurezza online è ancora un punto molto critico della chat. E’ comprensibile quindi che chi ha qualcosa da nascondere ha sempre l’ansia di essere spiato.

La situazione, sotto certi versi, si è aggravata da quando la chat ha sviluppato funzioni molto social sulla scia dei successi di Facebook ed Instagram. Al giorno d’oggi attraverso WhatsApp possiamo utilizzare feature molto belle, ma critiche per la nostra sicurezza.

 

WhatsApp, c’è un metodo per scoprire i nomi ed i cognomi di chi ci spia

Vi mostriamo con questo articolo come controllare i nomi ed i cognomi di chi visualizza immagine profilo, stati e storie. In chat, purtroppo, non è possibile controllare la lista di chi visualizza tali elementi.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come ingannare gli amici ed inviare una falsa posizione in chat

Nell’attesa che gli sviluppatori si diano una mossa possiamo prendere forza dalle cosiddette app terze. Il marketplace di Android, Google Play contiene al suo interno tante applicazioni “Tracker”. Lo scopo di queste piattaforme è quello di tracciare in tempo reale i profili di chi guarda con insistenza gli elementi del nostro account. Le app tracker consentono con molta semplicità di visualizzare chi – e quando – osserva foto profilo, stati e storie. Una soluzione da non lasciarsi sfuggire.