Le tensioni tra Google e Oracle sono in aumento ancora una volta. L’uso precedente delle API Java con Android ora non è più l’oggetto di discussione. Stavolta tocca alle campagne di disinformazione straniere che la filiale di Alphabet sta cercando di combattere.

Il gruppo non profit Campaign for Accountability martedì ha accusato Google di aver fatto ben poco per fermare la progettazione degli acquisti di test per imitare quegli agenti russi utilizzati per tentare di manipolare il discorso pubblico e polarizzare il pubblico americano in vista delle elezioni presidenziali del 2016. CfA dice che entrambi hanno usato gli indirizzi IP russi e pagato la pubblicità in rubli. Oltre a progettare i propri annunci in base a quelli del 2016, sostenendo che Google non li ha rilevati nonostante così tante bandiere rosse. La società con sede a Mountain View ha respinto l’episodio in qualità di outliner finanziato da Oracle, affermando che il suo rivale ha donato soldi alla CfA in passato.

Google e Oracle si punzecchiano sulle recenti vicende che coinvolgono anche falsi annunci pubblicitari per manipolare le elezioni

Ora che uno dei nostri concorrenti con sede negli Stati Uniti si sta travisando attivamente, per impersonare troll russi, abbiamo intrapreso ulteriori azioni appropriate per aggiornare i nostri sistemi e processi“, ha detto un portavoce della società in una dichiarazione preparata a Business insider. Lo SVP di Oracle Ken Glueck ha negato l’accusa che il gigante della tecnologia abbia partecipato in qualche modo alle operazioni della CfA. “Vorrei avere un rublo per ogni volta che Google ha scaricato i problemi su di noi“, ha detto ironicamente il signor Glueck.

Leggi anche:  Android: per usare le app Google si dovrà pagare (decisamente troppo) anche in Italia

In risposta all’episodio, Google ha anche chiesto a Oracle di collaborare alla prevenzione delle campagne di disinformazione straniere, che non hanno risposto all’appello. Le tensioni che circondano le notizie false e altri sforzi volti a polarizzare e influenzare in altro modo il pubblico americano rischiano di aumentare nel periodo precedente ai mid-media di quest’anno che si terranno il 6 novembre. Proprio in questi giorni si stanno prendendo provvedimenti, probabilmente anche per vie legali.