basta netflix

L’arrivo dello slogan “Basta Netflix” un po dappertutto ha creato un caso mediatico. Online è diventato virale l’hashtag #BastaNetflix anche per via del cambiamento profondo degli account social del servizio streaming. La pagina Facebook ha cambiato le proprie foto profilo con l’immagine in apertura mentre su Instagram sono stati cancellati tutti i post pubblicati nel corso del tempo. In giro per Milano invece sono comparsi addirittura dei manifesti pubblicitari sempre con la stessa immagine.

Per fortuna la preoccupazione degli utenti per questa frase così ambigua è sparita. Da subito si era pensato ad una trovata pubblicitaria ideata dalla stessa Netflix e alla fine si è dimostrata esatta questa teoria. Sulla pagina Facebook del servizio di streaming è stato pubblicato un video che fuga ogni dubbio.

Basta Netflix per…

Basta Netflix per…

Posted by Netflix on Wednesday, September 5, 2018

 

#BastaNetflix è ormai virale

Il senso della campagna pubblicitaria era puntare sul dualismo della frase “Basta Netflix” che poteva essere intesa come uno stop al servizio oppure “Basta Netflix per..” che poi era il significato che gli autori volevano far passare.

Leggi anche:  Netflix proibisce agli attori di utilizzare il termine "Binge Watching"

La campagna pubblicitaria si è basata anche sull’ausilio di personaggi famosi come calciatori del calibro di Ciro Immobile e Papu Gomez e altri influencer come Federica Nargi, Alessandro Matri, Jake la Furia e Giorgia Palmas.

Ricordiamo che Netflix non è nuova a trovate pubblicitarie del genere. Già nel 2017 una pubblicità simile è stata fatta negli Stati Uniti. Cartelloni pubblicitari con la scritta “Netflix is a joke” sono stati affissi per le strade di New York e Los Angeles. Alla fine dietro a questi cartelloni si è scoperto esserci la stessa azienda californiana.