WhatsApp, attenti ai backup
WhatsApp ha introdotto la crittografia end-to-end all’interno dell’applicazione sia nella versione per smartphone Android che per iOS. La crittografia protegge le chat, le chiamate vocali e qualsiasi altro scambio di dati impedendo che terze persone possano visualizzarli in chiaro. Una caratteristica interessante ma bisogna fare attenzione ai backup: quando si esegue il backup di queste chat su Google Drive si perde la crittografia.

Questo non dovrebbe sorprendere più di tanto gli appassionati di sicurezza informatica dal momento che WhatsApp non è in grado di controllare realmente ciò che viene crittografato sui server di un’altra azienda. Vale anche la pena ricordare che il backup delle chat su Google Drive è completamente opzionale e quindi può essere disattivato dalle impostazioni di sistema.

 

WhatsApp su Android, i backup caricati su Google Drive perdono la crittografia

Tutto questo avviene dopo che WhatsApp e Google hanno annunciato una partnership, che inizierà a partire dal mese di novembre, e permette di archiviare i backup di WhatsApp sullo spazio cloud di Big G senza che questi occupino realmente spazio. Un grosso problema considerato che i backup non contengono una sola chat ma un’enormità di dati, media inclusi.

Leggi anche:  Tim: a breve i clienti potranno richiedere assistenza su WhatsApp

Questo dovrebbe essere qualcosa che Google può correggere con relativa facilità e potrebbe essere cambiato prima che la partnership entri in vigore il 12 novembre. Google ha annunciato anche che tutti i backup più vecchi di un anno verranno eliminati proprio a partire 12 novembre. È possibile intervenire sulle impostazioni dei backup dalle impostazioni di WhatsApp, poi su Chat e quindi su Chat backup.

Non dovranno preoccuparsi, invece, gli utenti che utilizzano WhatsApp su iOS e quindi su un iPhone dato che i backup in quel caso vengono archiviati su iCloud di Apple che è comunque crittografato.