OnePlus 6 Midnight Black

OnePlus ha in programma di aprire un negozio aperto al pubblico a Parigi, in Francia, almeno secondo i più informati. Il co-fondatore dell’azienda, Carl Pei, è stato presente all’IFA 2018 di Berlino, dove avrebbe accennato al fatto che un negozio del genere diventerà una realtà nel prossimo futuro dell’azienda.

Tutto questo è sorprendente poiché OnePlus ha da sempre venduto i suoi prodotti attraverso il sito web e fino ad ora non ha mai mostrato interesse nel retail. Un modus operandi che potrebbe cambiare nei prossimi mesi, probabilmente perché la società sta cercando di crescere ancora di più, proprio come ha fatto e continua a fare Xiaomi.

 

OnePlus pronta ad aprire un negozio in Francia: l’azienda continua a crescere

OnePlus ha una certa presenza nel mercato francese grazie alla sua partnership con l’operatore telefonico Bouygues, ma la società non ha mai avuto un vero e proprio negozio. Carl Pei ha anche detto che un negozio di questo tipo verrà aperto prima che l’azienda faccia il suo prossimo annuncio importante.

E se diamo per scontato che il prossimo annuncio importante sia OnePlus 6T, il cui arrivo è in programma per la fine dell’anno, non mancherebbe molto. OnePlus 5T è stato annunciato a novembre e il 6T arriverebbe sempre a novembre. Lo store, dunque, potrebbe essere inaugurato ad ottobre o direttamente il giorno del lancio del nuovo smartphone.

Leggi anche:  OnePlus 6T, arriva l'esclusiva colorazione Thunder Purple

Il negozio al dettaglio della società non offrirà solo smartphone ma anche tantissimi accessori come zaini, t-shirt prodotti per smartphone come cover e powerbank e così via. Oltre a parlare del futuro punto vendita, il co-fondatore della compagnia ha parlato anche del marchio Pocophone di Xiaomi e dello smartphone Poco F1.

Il numero uno ha detto di non essere stupito dall’arrivo di questo dispositivo e che Xiaomi non è motivo di preoccupazione. Il principale nemico di OnePlus, infatti, sarebbe la stessa OnePlus il che suggerisce che l’azienda compete solo contro se stessa, ammettendo che c’è sempre spazio per il progresso e per migliorare sempre di più.