youtube-pubblicitàYouTube ha annunciato che l’opzione “salta annuncio” verrà rimossa dalla pubblicità mentre visualizziamo il contenuto della piattaforma. Secondo il video pubblicato da Creator Insider – un canale YouTube che condivide informazioni sulla piattaforma – queste misure saranno intraprese per evitare il famoso “skip ad e presentarci gli annunci pubblicitari completi con lo scopo di monetizzare i contenuti.

 

YouTube vuole che i contenuti prodotti sulla sua piattaforma siano pagati meglio

Secondo Creator Insider, la ragione di questa scelta e far per vedere agli utenti gli annunci completi è la possibilità guadagnare di più, “perché gli inserzionisti pagano generalmente un po’ di più” quando sono completi, mentre quelli che possono essere saltati sono pagati ad un prezzo inferiore.

Tuttavia, con questa nuova funzionalità, l’utente di YouTube dovrà vedere gli annunci completi che, in base alle specifiche tecniche della piattaforma, possono durare solo da 15 a 20 secondi.

Questa funzione sarà disponibile dalla prossima settimana e dovremo attendere la reazione degli utenti alla nuova misura che, in pratica, obbliga a vedere la pubblicità nei video. Ciò significa un sostanziale cambiamento della politica attuale di YouTube, che ha consentito solo a determinati canali di introdurre questo tipo di annunci che non possono essere tagliati. Ora saranno più numerosi e saranno presenti su tutta la piattaforma.

Leggi anche:  Youtube in Italia: arriva una nuova versione con tante novità che nessuno si aspettava

La misura è un’arma a doppio taglio, poiché – da un lato – permetterà ai creatori di ottenere un po’ più di soldi per i loro video, poiché la piattaforma addebita alle aziende annunci più costosi; ma, d’altra parte, gli utenti rifiutano fermamente le pubblicità e gli annunci non evitabili comportano il rischio che il pubblico decida semplicemente di non vedere il contenuto.

Data l’incertezza espressa da alcuni generatori di contenuti su questa possibilità, un portavoce di YouTube ha dichiarato che i creatori saranno in grado di controllare che tipo di annunci vengono visualizzati, utilizzando gli strumenti che consentono di bloccare inserzionisti specifici e categorie di annunci completa.