Crea una copia dei dati che Google ha su di te in 2 minutiGoogle è una delle aziende tecnologiche più influenti oggi. Nel corso degli ultimi anni, ha lanciato diversi servizi che sono diventati successi istantanei tra gli utenti di Internet. Google non è solo il motore di ricerca: è anche Gmail, browser Chrome, storage Cloud Drive e sistema operativo Android.

Questa preponderanza di Google in diversi aspetti che influenzano la vita delle persone solleva una domanda pertinente: se per qualche motivo i servizi di Google non fossero disponibili, avremmo una copia dei nostri dati per evitare una perdita di informazioni massiccia?

Ci sono alternative ai migliori servizi di Google, ma avere un backup dei dati è una regola d’oro per chiunque abbia una vita molto digitalizzata. Ciò vale per ciò che si è memorizzato sul computer e per ciò che si è diffuso tra i vari servizi Internet.

Google fornisce uno strumento dal quale è possibile scaricare queste informazioni: in pratica, farà una copia di tutti i dati che Google ha su di noi. Il sistema agisce anche come misura della trasparenza della tecnologia per gli utenti, in modo che tutti sappiano quali informazioni vengono poi utilizzate nella creazione di servizi e pubblicità più personalizzata.

Leggi anche:  Google chiude Google+: un bug vecchio di 3 anni ha messo a repentaglio la nostra privacy

 

Fare un backup in due minuti

Per eseguire il backup dei dati, è sufficiente visitare il sito Google Takeout. Sarai quindi in grado di scegliere in modo specifico le informazioni che desideri salvare: ci sono 50 servizi tra cui puoi scegliere. In alternativa, puoi solo salvare i dati per un servizio specifico, ad esempio Gmail.

Una volta selezionati i dati, devi solo scegliere come vuoi ricevere queste informazioni. Le opzioni variano nei formati .zip o .tgz. Dovresti quindi scegliere la dimensione massima del file: le informazioni possono essere suddivise in blocchi da 1 GB, 2 GB, 4 GB, 10 GB o 50 GB.

Il terzo e ultimo passaggio consiste nello scegliere come inviare le informazioni: può essere un collegamento da cui scaricare i dati o inviarli direttamente a una piattaforma di archiviazione, come Dropbox.

Un’ultima nota: a seconda del numero di servizi che utilizzi da Google e della frequenza con cui lo fai, l’azienda dice che l’invio di informazioni può variare da poche ore a pochi giorni. Non appena è accessibile, l’utente ha una settimana per scaricare le informazioni.