Huawei ha già spedito 100 milioni di smartphone
I numeri uno di Huawei avevano rivelato l’intenzione di spedire 200 milioni di smartphone entro il 2018. Un numero impressionante che Huawei può tranquillamente raggiungere. Durante l’evento di presentazione di Nova 3i che si è tenuto ieri, il produttore coreano ha annunciato di essere già a metà dell’opera.

Il CEO di Huawei, Richard Yu, ha dichiarato in modo entusiasmante che aver già spedito i suoi 100 milioni di smartphone. Un obiettivo importante, non solo per il dato in sé, ma per la velocità con cui Huawei è riuscita ad ottenerlo: appena 7 mesi. E sono proprio le tempistiche a far capire quanto Huawei è diventata inarrestabile.

 

Huawei ha già spedito 100 milioni di smartphone nel 2018 e punta ad altri 100 milioni

Per fare un paragone, quest’anno il produttore cinese ha raggiunto i 100 milioni di smartphone a luglio. Lo scorso anno l’azienda ha impiegato quasi due mesi in più per raggiungere lo stesso obiettivo: il 12 settembre. Nel 2016 i 100 milioni sono arrivati il 14 ottobre mentre nel 2015 l’obiettivo è stato chiuso poco prima della fine dell’anno.

Negli ultimi sette anni Huawei, che ormai è saldamente nella top 3 dei produttori leader del mercato dopo Samsung ed Apple, ha moltiplicato le vendite totali dei suoi smartphone per 51 volte. Capirete, dunque, che puntare ai 200 milioni di dispositivi spediti entro il 31 dicembre 2018 è più che possibile.

Leggi anche:  5G: dopo la guerra tra Usa e Cina, Huawei rischia di essere tagliata fuori

Ci sono ancora cinque mesi e tanti smartphone. Ieri è stato presentato il nuovo P Smart+ ma soprattutto manca all’appello la serie Mate 20. Quest’ultima contribuirà tantissimo, si stimano vendite per circa 8 milioni, ma come sempre saranno i dispositivi della serie Lite a fare la differenza. Il motivo? Sono belli, funzionami e molto economici.

Se le spedizioni di smartphone Huawei continueranno a rimanere forti per tutto il resto del 2018, la società potrebbe essere sulla buona strada per superare Apple. Un sorpasso che permetterebbe a Huawei di diventare il secondo produttore al mondo entro il primo trimestre 2019.

La strada è ancora molta, invece, per raggiungere la prima posizione attualmente detenuta da Samsung. A questo punto non possiamo che darvi appuntamento alla fine dell’anno per aggiornarvi sull’impresa del produttore.