Gli utenti Vodafone proprio non sanno a cosa pensare in questa primavera molto travagliata. In principio non possiamo non ricordare l’annuncio di aumenti per il mese di aprile, poi ecco arrivare la smentita. Ora, beffa delle beffe, arriva la smentita della smentita per tutti i possessori di un piano

per la telefonia mobile. L’operatore britannico certo non è stato maestro della chiarezza nel corso di queste ultime settimane. A tal proposito, vogliamo schiarire le idee agli interessati in questo articolo.

 

La beffa firmata Vodafone

Proprio come gli altri brand, anche Vodafone a gennaio ha dato il via libera ad aumenti dell’8,6% per difendere le proprie economie dagli effetti della legge 172/17 (la legge che bandisce i pagamenti ogni 28 giorni).

L’intervento intimidatorio dell’AGCOM ha cambiato ogni cosa con Vodafone che annuncia il ritiro degli aumenti.

Leggi anche:  Nuovi aumenti e rimodulazioni: TIM, Wind e Vodafone preoccupano gli utenti

Ma ecco che tutto muta proprio in questo maggio. Attraverso degli opportuni SMS, la compagnia ha prospettato ai suoi clienti nuovi aumenti che andranno da 0,69 centesimi a 1,49 euro.

Il dissenso è esploso su Facebook e Twitter: i commenti negativi contro l’operatore si sprecano ed esplodono anche in veri e propri insulti. Sempre più persone criticano quella che è definita come una mossa di facciata per evitare le ire dell’AGCOM.

 

La disdetta a costo zero

Proprio come accade in questi casi, anche per tale provvedimento è possibile esercitare una disdetta del contratto senza incorrere in penali.