Google e Fitbit lavoreranno insieme per promuovere la salute. Le due società hanno ufficialmente annunciato che è in corso una collaborazione.

Per Fitbit ciò significa utilizzare l’API Cloud Healthcare di Google. Ciò potrebbe portare a cure più personalizzate per i pazienti. Infatti, l’API consentirebbe a Ftibit di integrarsi più profondamente nel sistema sanitario e collegare Electronic Medical Records con i propri dati utente. Così si darebbe ai medici un migliore quadro della salute del paziente in tempo reale. Ovviamente, in aggiunta ai dati raccolti dai registri, che a loro volta potrebbero esser d’aiuto.

Google e Fitbit si uniscono in una collaborazione che gioverà ad entrambe le compagnie

L’API Cloud Healthcare di Google alimenterà anche la piattaforma Twine Health di Fitbit. La collaborazione tra le due consentirà di accelerare l’efficienza delle operazioni e la velocità di commercializzazione di nuovi dispositivi e servizi per Fitbit. Per i consumatori che si traducono in azienda è in grado di rilasciare dispositivi a un ritmo più rapido. Ciò significherebbe che Fitbit potrebbe scalare i prodotti più velocemente e rilasciarli sul mercato più rapidamente di prima, offrendo ai consumatori più opzioni tra cui scegliere.

Leggi anche:  Huawei: i prossimi smartphone potrebbero non ricevere più aggiornamenti

Mentre parte di questa collaborazione consiste nell’aiutare Fitbit a far progredire la sua integrazione nel sistema sanitario, significa anche far progredire il futuro dei dispositivi indossabili. Non sono state menzionate specifiche su alcun particolare prodotto. Fitbit afferma che insieme a Google useranno i punti di forza che entrambe le aziende hanno proprio per trasformare il futuro dei device indossabili. Questo suggerisce che, per lo meno, Fitbit è ottimista ed entusiasta di ciò che può fare con i prodotti indossabili in corso ora che avrà l’assistenza di Google nei settori del cloud computing e dei dati. Fitbit afferma che collaborando con Google e sfruttando la propria API Cloud Healthcare, consentirà all’azienda di mantenere i propri standard sulla protezione dei dati degli utenti.