whatsapp

Sempre più persone utilizzano WhatsApp per intrufolarsi nel profilo di amici o contatti della propria rubrica. I nuovi strumenti della chat di messaggistica sono molto simili a quelli che sono presenti su social main stream come Instagram, Snapchat o Facebook.

Con gli ultimi aggiornamenti, la piattaforma ha aggiunto le storie. Tutti gli utenti possono immortalare propri momenti di quotidiano e mostrarli al grande pubblico dei contatti in rubrica.

Le storie su WhatsApp

Le storie di WhatsApp ripercorrono in tutto e per tutto quelle di Instagram. Anche caratteristiche sfumate come scrittura, animazioni e fotomontaggi ripercorrono la linea del social.

Una grande differenza tra la chat ed Instagram sta però nella privacy. A differenza di quest’ultimo servizio, gli utenti di WhatsApp non sono sempre in grado di conoscere chi visualizza le proprie storie e quando. Oltre alle storie, il problema è presente anche per foto profilo e per stati.

Leggi anche:  WhatsApp, è addio alle notifiche: ecco cosa cambia con il nuovo aggiornamento

Le app tracker su Google Play

In attesa che gli sviluppatori rilascino un upgrade per cancellare tale mancanza, vi mostriamo un metodo per riuscire a sgamare le persone che visualizzano i vostri momenti personali.

Tutto ciò che è necessario è una semplice app “tracker” disponibile su Google Play. Un nome su tutti, ad esempio, può essere quello di “Tracker for WhatsApp”.

Applicazioni del genere, in cambio dell’autorizzazione ai propri dati, sono in grado di mostrarci dettagli riguardo visualizzazioni di foto profilo, storie e stati. Solo in tal modo sarà possibile avere tutto sotto controllo.