Le intelligenze artificiali che vogliono salvare il mondoSophia è il robot al quale, una volta, sfuggì che avrebbe voluto uccidere gli umani, ma poi rettificò per dire che ci ama davvero. L’incostanza sentimentale dei robot non dovrebbe trovarci troppo sorpresi se vengono creati a nostra immagine e somiglianza, ma arrivare a farli provare emozioni e prendere decisioni, di conseguenza, apre centinaia di dibattiti etici. Dibatti che hanno deliberato in materia tecnologica in molti, tra i quali Elon Musk e Stephen Hawking.

Nonostante tutte queste domande naturali, l’intelligenza artificiale (AI) si è rivelata anche positiva e utile per rilevare possibili suicidi, prevenire l’insufficienza cardiaca o dare consigli a coloro che soffrono di altri tipi di problemi. E, se ciò non bastasse, sembra uno strumento piuttosto ecologista. Molti degli ultimi progressi nell’IA potrebbero rendere questo mondo più sostenibile, efficiente e pulito. E queste sono alcune delle tecnologie più promettenti per l’ambiente.

Auto autonome

Nonostante gli avvertimenti etici di Musk e Hawking, i veicoli autonomi potrebbero ottimizzare i percorsi e il traffico, ottenendo di ridurre sostanzialmente le emissioni di gas serra. La creazione di autostrade automatizzate, sulle quali le auto possono accelerare e frenare contemporaneamente aumenta la capacità di trasporto e risparmia il carburante, perché diminuisce la resistenza aerodinamica.

Uber, auto autonoma

Sebbene questa tecnologia promettente provi già i suoi prototipi, principalmente Google, Tesla e Uber, in alcune città degli Stati Uniti e dell’Europa, le aree del mondo che più hanno bisogno di questo progresso tecnologico, ironicamente, sono le meno preparate per il loro arrivo. Secondo gli ultimi dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, i Paesi con il più alto tasso di incidenti stradali sono quelli in via di sviluppo: Africa, Medio Oriente e America Latina. Uno dei motivi principali di questa elevata mortalità è la mancanza di una struttura stradale adeguata. Oltre alle infrastrutture e alla cultura, la situazione finanziaria di molti di questi Stati impedisce un rapido arrivo della tecnologia di guida autonoma.

Prevenzione delle catastrofi naturali

I dati climatologici di una certa area, e anche le informazioni ottenute dai social network, possono fungere da IA ​​per prevedere il rischio di catastrofi come i terremoti. L’analisi della simulazione rileva le vulnerabilità e aiuta a migliorare il disaster recovery e fornisce un preallarme. Di fronte a un evento di questo tipo, l’IA può decidere qual è la migliore azione possibile.

Energia rinnovabile più efficiente

Solari, eoliche e altre energie rinnovabili si trovano di solito in luoghi diversi. I sistemi autonomi possono combinare queste fonti di energia in una coerente e funzionale, di fronte alla intermittenza delle fonti rinnovabili e al reagire al flusso e riflusso. I sistemi di intelligenza artificiale sono flessibili e possono fare più lavoro ed essere in più luoghi rispetto agli amministratori di rete umani.

Agricoltura sostenibile

Un’agricoltura più efficiente implica consumare meno acqua, meno fertilizzanti e meno pesticidi. L’intelligenza artificiale è in grado di raggiungere un maggior grado di sostenibilità automatizzando l’intero processo che va dalla semina alla vendita del prodotto finale. Con una gestione di tutti i dati disponibili, prenderemo decisioni più accurate sul tempo e sul luogo in cui dovremmo piantare, risolvere i problemi di parassiti e malattie in modo tempestivo e prendere in considerazione l’offerta e la domanda per ottimizzare la produzione.

Informazioni in tempo reale sui cambiamenti climatici

Il calcolo climatico è una nuova disciplina che utilizza l’intelligenza artificiale per portare le previsioni del tempo a un altro livello e offrire informazioni sui cambiamenti climatici. L’elaborazione dell’enorme quantità di dati che sarebbero necessari con un normale computer richiederebbe un calcolo ad alte prestazioni e molta potenza, un problema risolto dalle reti di deep learning, che consentono ai computer di trasmettere le informazioni molto più velocemente. Inoltre, questa tecnologia corregge alcuni pregiudizi nei modelli, sceglie i dati più rilevanti, prevede eventi estremi e li utilizza per la modellazione di impatto.

Progettazione di città intelligenti

E non si tratta solo di rattoppare ciò che stiamo rompendo da decenni. L’AI vuole anche essere d’aiuto quando si parte da zero: la tecnologia potrebbe aiutare a progettare le leggi del futuro e del terreno per renderle più efficienti nella pratica, in vista di città più intelligenti. In combinazione con la realtà aumentata e virtuale (AR e VR), la possibilità di monitorare il possibile esito dell’attuazione delle nuove misure è ciò che rende in grado di sviluppare le regole più appropriate sul consumo, l’energia, la gestione delle acque, i flussi di traffico, di persone o clima.