Adesso è possibile pre-ordinare Google Clips, la prima fotocamera basata sull’intelligenza artificiale dell’azienda. Il dispositivo è disponibile sul Google Store. Le spedizioni inizieranno il 27 o il 28 febbraio.

Lo stock iniziale è limitato, quindi l’azienda rischia di esaurire le unità vendute prima della primavera, come nel caso dei Pixel 2 e Pixel 2 XL lo scorso autunno. Il gigante tecnologico di Mountain View avrebbe dovuto già iniziare a vendere Google Clips, all’inizio di ottobre. La società ha lanciato il prodotto con l’etichetta “coming soon”. Però ci sono voluti quasi quattro mesi per accettare i preordini e cinque mesi dalla pubblicazione ufficiale per iniziare le vendite. Le ragioni dietro l’apparente ritardo per le vendite rimangono poco chiare. Google non ha ancora annunciato granché sull’argomento.

Google Clips è la fotocamera innovativa che registra da sola i momenti più belli nelle vostre case.

La fotocamera è disponibile per i preordini a 249 dollari, che potrebbero limitare il suo potenziale commerciale. In molti aspetti, Google Clips sta percorrendo un terreno completamente nuovo, è una videocamera per la casa unica nel suo genere che registra i video automaticamente, ma non per motivi di sicurezza. Infatti, le tecnologie basate su I.A. che alimentano il dispositivo sono pensate per rilevare momenti unici della famiglia e registrarli. In un secondo momento sarà possibile trasferire qualsiasi clip sullo smartphone. Nonostante le implicazioni sulla privacy di tale soluzione, Google rimane convinta che il prodotto non è un rischio per la sicurezza in quanto non può connettersi a Internet.

Leggi anche:  Google ci spia anche quando non dovrebbe: ecco come intervenire

Il dispositivo ha 16 GB di memoria flash interna. Essa dovrebbe essere sufficiente per memorizzare mesi di filmati, soprattutto perché non è possibile utilizzarlo manualmente per registrare video più lunghi. La fotocamera acquisisce il contenuto a 15 fotogrammi al secondo. La risoluzione varia e può effettivamente essere aumentata senza sacrificare i dettagli, utilizzando un’app per smartphone dedicata. Il suo supporto per i telefoni sarà alquanto limitato al momento del lancio, sarà in grado di comunicare solo con i dispositivi Pixel di Google, le linee Samsung Galaxy S7 e Galaxy S8 e la serie iPhone 8 di Apple.