project volta

Dopo il tentativo di velocizzare l’ interfaccia utente sulla piattaforma Android con il Project Butter di Android 4.1 Jelly Bean, e poi di ottimizzare le prestazioni della memoria con il Project Svelte in Android 4.4 KitKat, Google ha deciso di affrontare il problema più ricorrente e più discusso sui nostri smartphone: la durata della batteria. Cercando di affrontare questo problema è stato recentemente annunciato il Project Volta, che arriverà con il rilascio di Android L. Andiamo a scoprire tutti gli accorgimenti che sono stati fatti con il Project Volta al fine di prolungare la durata della batteria sui dispositivi Android.

Lazies first

Se prima le risorse venivano impiegate basandosi sul principio “first come-first serve” e quindi venivano eseguiti tutti i compiti immediatamente, anche quelli meno importanti, ora non ci sarà più questo approccio. Il nuovo principio “lazies first” fa in modo che vengano eseguiti soltanto i compiti da eseguire, tralasciando le operazioni non utili in quel determinato momento.
Naturalmente Google ha fornito anche una nuova API, chiamata JobScheduler API, per far sì che gli sviluppatori ottimizzino le loro app in modo da renderla “pigra”.

Leggi anche:  Google pronta a rivoluzionare il design di Chrome su tutti gli OS

Historian Battery

Un altro elemento del progetto Volta che sarà determinante per conseguire un miglioramento notevole della batteria sui dispositivi Android è lo strumento Battery Historian. Questo è uno strumento rivolto puramente agli sviluppatori, i quali possono utilizzarlo per identificare un problema di battery drain nella loro applicazione.

battery-11

Battery Saver Mode

Infine, vi è la modalità Battery Saver che riguarda tutti gli utenti Android. Google sostiene che si può ottenere circa 90 minuti in più di durata della batteria eseguendo le seguenti operazioni:
  • ridurre la velocità del processore (e il numero di cores attivi);
  • ridurre la frequenza di aggiornamento del display;
  • limitare il consumo dati delle app in background.

Grazie a questa modalità, potremo avere circa altri 90 minuti di autonomia del nostro device.

[via]