NFC_PosteMobile_news_b_40938

Il Gruppo Poste Italiane si appresta ufficialmente a compiere un passo da gigante nel panorama dei sistemi di pagamento.

A partire da oggi, sarà infatti possibile utilizzare la rivoluzionaria tecnologia NFC.

Grazie ad un chip NFC (Near Field Communications), integrato nella SIM PosteMobile, sarà possibile effettuare pagamenti in maniera contactless. I pagamenti potranno infatti essere inoltrati tramite i POS Mastercard con tecnologia Paypass, semplicemente appoggiando il dispositivo al ricevitore, per procedere col pagamento.

L’utilizzo della SIM in questione presuppone il possesso di un conto BancoPosta.

L’innovativo servizio di pagamento sarà testato, per il momento, solo nella zona di Milano.

Ma se dovesse andare a buon fine, rappresenterebbe una svolta di notevole importanza nell’ambito degli strumenti di pagamento sostitutivi della moneta.

Una futura implementazione di questo e altri servizi succedanei, permetterebbe infatti una rilevante diminuizione dei rischi derivanti dal possesso e utilizzo del contante (furti, smarrimenti, ecc.) e incentiverebbe, invece, le transazioni nel sistema economico, offrendo la possibilità agli utilizzatori di effettuare acquisti anche in situazioni di momentanea indisponibilità di denaro (si potrebbero infatti utilizzare i tradizionali servizi bancari collegati).

L’Italia spicca finalmente un salto, seppur piccolo, verso il futuro.

E voi siete pronti a seguire l’innovazione?

 

Avatar
“Nata a Parma il 18 Settembre 1991, da piccola passavo pomeriggi interi spiando mio cugino, da dietro le spalle, mentre giocava a Nintendo e Play Station. Crescendo, son passata ad avere io il joystick in pugno, e a picchiare duro a Tekken! ;) Appassionata dalla tecnologia in generale, dopo aver spolpato il mio vecchio telefono Bada, sono definitivamente passata ad Android, grazie al mio geek-fidanzato che mi ha trasmesso il pallino del Galaxy Nexus, ora inseparabile. Dalla fusione tra passione per la tecnologia e per la scrittura, nasce la mia collaborazione per TecnoAndroid.”