PostePayLa Postepay, una delle più amate ed utilizzate carte prepagate in Italia, è diventata in questi giorni oggetto di truffa e furto. I pericoli, per ogni utente con di TIM, Vodafone, Wind o 3 Italia sono sempre dietro l’angolo, è necessario prestare la massima attenzione per non incorrere in sgradevoli sorprese.

La diffusione delle Postepay è stata veramente elevata, nel corso dei mesi si è assistito ad una crescita esponenziale del numero di utenti con attiva una carta di questo tipo. Una così grande portata, però, ha malauguratamente attratto anche un gran quantitativo di malintenzionati e malfattori, il cui unico obiettivo è proprio quello di rubare tutti i risparmi presenti sula carta.

Postepay: truffe tramite Call Center, SMS e eMail

La prima truffa, e forse la più utilizzata, consiste nel furto del codice PIN a sedici cifre (il numero sul retro della carta), tramite il quale il malfattore può rapidamente rubare l’intero credito memorizzato su di essa. Non inseritelo mai su siti aperti tramite link ricevuti via SMS o email, potrebbe essere un fenomeno di phishing.

Le ultime Postepay, inoltre, integrano al proprio interno il chip NFC. Il malfattore potrebbe addebitarvi cifre considerevoli semplicemente avvicinando il POS alla tessera. Non lasciatela mai incustodita, portatela sempre con voi.

Il trucco dei call center, invece, consiste in una chiamata sul numero di telefono collegato alla Postepay con la richiesta della comunicazione dei dati della carta per un ipotetico aggiornamento dei dati inseriti nei database di Poste Italiane. Niente di più falso e finto, fate sempre attenzione, nessun addetto vi contatterà mai per una modifica di questo tipo.