Intel supera Samsung ancora una volta nel mercato dei semiconduttori. L’azienda aveva regnato a lungo come il più grande produttore di chip al mondo finché Samsung ha scombussolato tutto.

Tuttavia, secondo la società di ricerche IHS Markit, la situazione potrebbe essere cambiata ancora una volta. Adesso Intel riprende la corona. Secondo l’azienda, i recenti guadagni e gli aumenti delle entrate di Samsung provengono dai chip di memoria. La forte domanda e un’offerta più debole del solito hanno permesso di raggiungere margini di profitto e livelli di entrate incredibili. In effetti, le vendite nel 2017 sono cresciute di uno sconcertante 53,6%. Questa situazione, tuttavia, dovrebbe cambiare abbastanza rapidamente, con l’analista di Gartner Andrew Norwood che afferma che “il vantaggio di Samsung è letteralmente costruito sulla sabbia”.

I produttori cinesi aumenteranno significativamente la loro produzione di chip di memoria flash NAND quest’anno, e la capacità di produzione di DRAM nel 2019. Questo costringerà Samsung a ridurre ancora una volta i suoi prezzi a livelli molto più competitivi e dimostrando di essere un successo a livello di profitto. È questo che probabilmente darà a Intel il primato.

Samsung aveva surclassato Intel negli ultimi mesi, ma pare che l’azienda tornerà ad essere imbattibile

Dopotutto, i due terzi delle entrate di Samsung provengono da spedizioni di chip di memoria, mentre la maggior parte delle entrate di Intel è ancora generata dalle vendite di processori. Infatti, nel 2017, il fatturato totale di Intel ha toccato 62,8 miliardi di dollari, di cui solo una piccola percentuale è derivata dalle vendite di chip di memoria – 3,5 miliardi.

Samsung sembra piuttosto ottimista riguardo al suo futuro e sta ancora aumentando la sua capacità produttiva. Basandosi sulle previsioni, Shaun Teevens di IHS Markit dice “che se dovesse verificarsi una forte inversione dei prezzi, è possibile che Intel possa riguadagnare la prima posizione.” Per ora, però, sia Samsung che Intel sono alla ricerca di modi per aumentare sia i ricavi che i profitti. Il primo è concentrato sull’espansione della capacità produttiva. Mentre il secondo sta cercando di svilupparsi in altri segmenti del mercato al di fuori del tradizionale business dei microprocessori.