La compagnia Sud Coreana sembrerebbe essere pronta a lanciare il suo nuovo top di gamma a gennaio 2018, il G7. Se queste voci risultassero vere vuol dire che manca veramente poco al suo lancio ufficiale sul mercato, anche se alcuni voci spostano il lancio al MWC 2018. Queste voci si basano anche sul passato visto che sia il G5 che il G6 erano stati presentati nelle conferenze del 2016 e 2017.

Quello che sappiamo

Il prezzo, ovviamente non economico, dovrebbe aggirarsi intorno ai 700 euro; tanto, ma sempre meno del Samsung Galaxy S9.

Il chipset dello smartphone sarà quasi sicuramente lo Snapdragon 845. Averlo risulta una necessità per LG in quanto sarà presenti nella maggior parte dei top di gamma, escluso Apple. Il G6 era stato munito dello Snapdragon 821 e questo aveva creato parecchie discussione e l’azienda di sicuro non vorrà ripetere l’errore due volte.

Sarà dotato anche di un schermo OLED il che renderà le immagini ancora più vivide e il nero sarà ancora più nero.

Per il resto non si sa molto di certo. Da questo punto di vista LG è stata brava a tenere al segreto le sue informazioni, ma ci sono delle ipotesi plausibili su cos’altro ci potrà riservare lo smartphone.

Leggi anche:  ZTE, comparse le specifiche tecniche di Nubia NX606J su AnTuTu con punteggio

Quello che si spera ci sia

Considerato il lavoro fatto sul G6 su questo si spera di vedere uno schermo curvo. Sui Samsung era stato un successo quindi la cosa potrebbe essere assai plausibile

A differenza della maggior parte degli smartphone potrebbe anche avere una batteria rimovibile, come avviene con alcuni degli altri device della compagnia. Se fosse vero ci sarebbe qualche sacrificio dal punto di vista del design, ma quando si parla di batteria c’è sempre qualcosa che non va quindi dare la possibilità di sostituirla potrebbe attirare molti compratori.

Un’altra indiscrezione è che potrebbe esserci il Quad DAC e una ricarica wireless senza problemi di regione.

Per scoprire se tutto questo si è rivelato esatto bisognerà aspettare un mesetto, sempre che anche la previsione della data sia giusta.