Apple ha appena lanciato una nuova funzione per il suo store di applicazione. Un’idea tanto semplice quanto utile e funzionale: il pre-ordine.

Come funziona

Ora come ora uno sviluppatore può caricare sull’app Store un applicazione solo dopo averla completata. Con questa nuova funzione invece può inserirla nello store fino a 90 giorni prima dalla data di completamento. Una volta fatto agli utenti viene data la possibilità di preordinarla così da vedersela installare automaticamente una volta completata. Questo sistema funziona su tutti i tipi di store, quindi che sia iOS, macOS o tvOS il sistema è uguale per tutti.

Gli sviluppatori possono offrire preordini gratuiti e a pagamento. Qual’ora il prezzo cambiasse durante il periodo di pre-ordine ai clienti verrà addebitato il prezzo a seconda di quale sia il più basso, che sia quello del pre-ordine o quello del lancio ufficiale. La transazione non verrà conclusa fino al momento del download dell’applicazione.

Una funzionalità un po’ inutile se usate su certe applicazione, ma che potrebbe essere rilevante su altre, come certi giochi. Se il meccanismo è copiato appunto dall’industria videoludica non c’è da stupirsi che sarà usato soprattutto per i giochi. Sarà un modo per gli sviluppatori per sfruttare l’hype di un annuncio affinché al momento dell’uscita ufficiale le persone si ricordino dell’effettiva esistenza del gioco.

Google avevo attivato un sistema simile, ma parziale. Consentiva agli utenti di pre-registrarsi per una versione di un’app e al momento dell’uscita ufficiale si viene semplicemente avvertiti.

Una funzione utile, ma forse sarebbe stato più utile avere la possibilità di avere dei periodi di prova di certe applicazioni.