Ho Mobile è l’innovazione. Questo gestore telefonico porterà una ventata d’aria fresca nel nostro paese. Al momento ci sono i soliti gestori da talmente tanti anni che si è quasi inconsciamente ostili verso di loro. C’è bisogno di cose nuove, diverse, migliori: Ho Mobile potrebbe esserlo.

Molta è la fiducia riposta in questo futuro operatore telefonico italiano, in quanto ha successo negli altri paesi e le novità che sceglie di presentare non sono da sottovalutare. Infatti, ci saranno prezzi inferiori, poche offerte ma su misura in base alle esigenze, negozi online più che in luoghi fisici specifici, e tanto altro.

Recentemente Ho Mobile ha presentato il suo sito di riferimento per le offerte commerciali, ossia homobile.it. In seguito è stato anche acquistato il dominio www.iliad.it per 11 mila euro.

I siti, dunque, saranno due. Un sito per le offerte commerciali e l’altro come web corporate.

Attualmente, se digitiamo il dominio iliad.it veniamo rimandati alla versione inglese del sito ufficiale del gruppo, ossia iliad.fr. Da questo sito che abbiamo la possibilità di visionare, pur non essendo appunto ancora pronto, si possono ricercare le varie offerte lavorative proposte da Iliad Italia e altre funzioni al momento in aggiornamento.

Per quanto riguarda le sedi lavorative disponibili, attualmente è aperta quella di Milano, quindi in una zona centrale o comunque di rilievo, soprattutto perché qui risiederà la sede centrale del nuovo gestore. In seguito la compagnia inizierà pian piano a diffondersi ovunque.

Il debutto di questo nuovo gestore era già previsto per la fine di quest’anno, e con molte premesse e speranze, augurandosi che Ho Mobile non sia un fiasco ancor prima di ufficializzarlo. Si stima che arriverà ufficialmente in Italia, con le prime offerte e le prime novità, nel 2018, per l’esattezza ad aprile, o verso marzo. Queste informazioni, però, ci sono pervenute da giornalisti della Repubblica, quindi non sono state confermata dalla compagnia Iliad, promotrice dell’Ho Mobile. Si spera di poter testare l’operatore prima possibile.