whatsappL’evoluzione di una delle applicazioni più utilizzate al mondo non ha fine. Can’t Talk rappresenta una delle ultime novità inserite all’interno di Whatsapp, utile per coloro che hanno la necessità di rispondere a un messaggio anche quando non avrebbero il tempo e il modo di farlo. E non è tutto. Il servizio si allarga anche ad altre piattaforme come Slack, Telegram, SMS e Email, permettendo così all’utente di impostare facilmente un messaggio standard e poterlo “mandare” in risposta ad eventuali messaggi. Inoltre è possibile impostare un messaggio personalizzato anche per le chiamate, selezionando contatti specifici a cui indirizzare i vostri cari messaggi.

Volete far sapere alla vostra fidanzata o al vostro fidanzato che siete impegnati in una riunione o che state guidando? Scaricate l’applicazione Can’t Talk, inserite una messaggio, selezionate i vostri contatti preferiti, selezionate le applicazioni in cui volete che venga emessa una risposta, e impostate l’intervallo di tempo che deve frapporsi tra due risposte automatiche allo stesso contatto. Il gioco è fatto. Al momento dell’arrivo di un messaggio o di una chiamata persa il programma invierà la vostra frase personalizzata, segnalando l’avvenuta risposta con una notifica, ovviamente silenziosa. È importante inoltre sottolineare il fatto di poter utilizzare l’app anche con i gruppi di Whatsapp, impostando un lasso di tempo tra una risposta e l’altra che permetta di evitare inutili ingorghi.

Leggi anche:  WhatsApp: come evitare di farsi spiare

I programmatori hanno fatto del loro meglio per mettere nelle mani degli utenti un prodotto che, essendo ancora in versione Beta (una versione non ancora completa al 100%), potrebbe ancora essere migliorato e dare ulteriori soddisfazioni. C’è infatti la concreta possibilità che vengano effettuati alcuni perfezionamenti: un controllo maggiore sulle conversazioni e chat a cui si vuole mandare o no un’auto-risposta; un timer che disattivi automaticamente l’app quando è necessario; un controllo più preciso dei contatti; creare diversi profili a seconda delle esigenze (profilo-lavoro, profilo-casa, profilo-guida) e personalizzarli a proprio piacimento; cambiare e attivare automaticamente il proprio profilo a seconda del contesto in cui operiamo (per esempio, attivare il profilo-lavoro se stiamo lavorando).

Come ogni altra applicazione nel mercato il download di Can’t Talk è disponibile sul Play Store. Tuttavia, essendo ancora un’applicazione in fase di sviluppo non è disponibile gratuitamente. Infatti dopo le due settimane di prova  sarà necessario scegliere tra due opzioni: pagare 1,29 euro per un anno, oppure spendere 3,69 euro per acquistare definitivamente le prestazioni dell’app.