trump
Trump vs social media

La presidenza di Donald J. Trump è stato degno di nota per la sua velocità. Nelle sue prime settimane di carica, il neo presidente statunitense ha già messo in moto diversi piani per fare molto di quello che – ahinoi – aveva promesso di fare durante la campagna elettorale. Ma non è solo il presidente in questione a muoversi velocemente. Lo sta facendo anche la popolazione.

Nel giro di poche ore, migliaia di persone accorrono per le strade della propria città dandosi appuntamento su Twitter. Le proteste flash in risposta al divieto di immigrazione di Mr. Trump hanno poi continuato a crescere in molte città e tutte organizzate come fossero “istantanee”. Inviata la notizia online, i manifestanti sapevano dove andare e sapevano che cosa fare una volta arrivati: fare in modo che la storia fosse messa in scena.

Mr. Trump si nutre dell’attenzione dei media. Durante tutta la campagna, il più grande spettacolo creato, si profilava una coscienza pubblica. Ma, nonostante ciò, lo stesso presidente aveva assicurato alla nazione che il suo divieto sugli immigrati stava “funzionando molto bene – lo si vede negli aeroporti”. Tuttavia, le foto e i video il cui soggetto erano “inondazioni” per strada da parte della gente non gli erano di supporto. Le cose, negli aeroporti, non funzionavano proprio molto bene; lo si poteva vedere proprio lì, su Instagram.

Amplificata sui social media, l’eco che si diffonde anche in televisione o in radio, hanno suggerito che qualcosa di più grande fosse in corso di realizzazione, qualcosa che avrebbe riscritto la definizione di democrazia. “Sta succedendo qualcosa là fuori”, si accorgono i commentatori. E lo sta facendo prendendo forza dai social media per diventare una protesta chiusa nella virtualità in una protesta nettamente reale.

Qualcosa è sicuro. Stiamo assistendo i fermenti di un movimento popolare nazionale, volti a sconfiggere le politiche di Mr. Trump. Si tratta di un movimento senza leader ufficiali. Anzi, potremmo addirittura asserire che il leader ufficiale potrebbe essere “realmente fittizio” come solo può esserlo un account Facebook o Twitter, dove la realtà viene ritratta attraverso i filtri di Instagram.

Anche se senza nome e decentrato, il movimento non è caotico. Perché è stato covato sui social network e viene inviato dai telefoni cellulari. E sembra essere, in termini organizzativi, molto sofisticato e ferocemente esperto nel conquistare i media. Nel corso di due fine settimana, le proteste hanno compiuto qualcosa quasi senza precedenti, nemmeno nei quasi due anni di promesse di Mr. Trump nel caso fosse diventato il nuovo inquilino della Casa Bianca: è stato “denaturato” dai riflettori dei stessi media da cui dipende. Questi sono l’unica forza che abbiamo visto che è stata in grado di districare la sua singolare presa sull’ecosistema dei media. Un po’ come dire che la creazione si ritorce contro il proprio creatore. 

Ma la domanda è: ci sono pubblici più fertili? Perchè ciò non accade in tutti i Paesi? Da noi non è proprio così semplice e frequente. O, per meglio dire, ci sono pubblici più reattivi?