rigopiano
Una microcamera in soccorso dei dispersi

Una microcamera è stata letteralmente il “terzo occhio” dei soccorritori dell’Hotel di Rigopiano. La tecnologia, già in uso su macchinari endoscopici e chirurgici, questa volta si è fatta strada tra le macerie, tra la neve e la disperazione, captando suoni e rumori, riportando immagini a chi, fuori, lavorava al buio. Quello della notte e dell’inconsapevolezza.

Snake Eye, questo il nome della microcamera, significa “occhio di serpente”. Si tratta di uno strumento che Vigili del fuoco e soccorritori hanno utilizzato nelle operazioni di scavo tra le macerie dell’hotel travolto dalla valanga. Una tecnologia molto semplice, ma altrettanto efficacie: una microcamera mobile montata su un piccolo tubo.

Già utilizzata negli istituti ospedalieri, questa sofisticata attrezzatura è “malleabile”, ovvero riesce ad insinuarsi – ricorda un serpente, appunto – tra le macerie e gli anfratti, riportando immagini di luoghi e aree in cui l’occhio umano non può arrivare.

Ed è proprio in questo modo che Snake Eye ha funzionato nelle scorse ore, riportando ai Vigili del Fuoco le immagini su uno schermo. Ed i bambini che attendevano di essere salvati. Spiegano i medici, la sopravvivenza dei bambini è stata possibile grazie ad un “effetto igloo” venutosi a creare tra l’esterno e quel che rimaneva della struttura. Questo ha permesso loro di avere ancora aria per respirare e non morire assiderati.

Il ruolo della microcamera è stato quello di guidare le mani dei soccorritori. Mentre un geofono è stato in grado di captare onde sonore e, quindi, possibili rumori e la loro provenienza provenienti da cumuli informi di disperazione e antichi lussi.

Un lavoro di squadra tra Vigili del Fuoco, soccorso alpino e speleologico, Croce Rossa e unità cinofile. Insieme alla tecnologia che, oggi più che mai, ci porta dove noi non possiamo giungere.