Le connessioni 5G sembrano finalmente prendere vita grazie a Intel

Il CES è stato il palco scenico di innovazioni per molte aziende nel settore smartphone, accessori quali cuffie e smartwatch ma lo è stato senz’altro anche per le nuove tecnologie. Tra tutte spicca l’idealizzazione di un primo prototipo di modem 5G già preannunciato da Intel a fine 2016.

Secondo quanto riferito dall’azienda ai giornalisti presenti a Las Vegas, questo componente prenderà vita all’interno di smartphone, droni, auto ed altri dispositivi, garantendo una velocità di connessione pari a 5Gbps. Nonostante non siano ancora stati fissati degli standard di velocità minima garantita, è nell’opinione di molti che si tratti di più gigabit per secondo. La statunitense leader nel settore processori punta allo sviluppo dei primi modem per metà 2017 da poter dare alle aziende per i primi test; l’obiettivo sarebbe infatti avviarne una produzione effettiva per fine anno.

Come sempre i nuovi microchip andranno a ridurre i tempi di latenza ed aumentare la larghezza della banda, ciò nell’interesse dell’interazione con altri dispositivi. Intel ha infatti pubblicato un video attraverso un canale ufficiale YouTube in cui rende una semplice illustrazione del quadro in cui questi modem verranno inseriti. L’idea è quella di riuscire a far interagire tutti quei dispositivi chiamati smart attraverso connessioni 5G. Il risultato straordinario appare nel video come una sorta di città futuristica in cui, grazie al collegamento tra i vari devices, sarà finalmente possibile vedere oggetti come veicoli automatizzati muoversi per le strade.

Leggi anche:  TIM segna record a Torino con la prima antenna 5G a 20 Gigabit