waymo
Google e la sua prima vettura autonoma

Google, dopo aver contribuito ad innescare la gara tra case automobilistiche e aziende di tecnologia per sviluppare i veicoli autonomi, presenterà a breve la sua unità indipendente, meglio nota come Waymo.Ora siamo una società indipendente sotto l’ombrello di Alphabet“, ha dichiarato John Krafcik, amministratore delegato della nuova società nel corso di una conferenza a San Francisco. “Si tratta di una indicazione della maturità della nostra tecnologia“.

Krafcik, un veterano del mondo automobilistico con decenni di esperienza in Ford e Hyundai Motor, è stato assunto nel settembre 2015 per aiutare il progetto di R & S nel passaggio dalla divisione sperimentale di Google, Google X. Chris Urmson, scienziato di robotica che ha guidato il programma per sei anni, ha riferito di aprire una propria società di tecnologia autonoma.

Anche se Google è stato uno dei pionieri nella guida autonoma attraverso l’intelligenza artificiale, la società si trova ad affrontare una forte concorrenza per commercializzare tale tecnologia. Quest’anno, Uber, gigante della mobilità, ha acquistato Otto, una società che ha iniziato con il sostegno degli ex dipendenti di Google e si è posta l’obiettivo di sviluppare veicoli autonomi il più presto possibile. Allo stesso modo, Elon Musk sta spingendo Tesla Motors a guidare – nel vero senso del termine – la propria auto autonoma verso il futuro e ha iniziato a dotare tutti i suoi veicoli elettrici con sensori e potenza di calcolo per automatizzare il controllo delle operazioni di guida. Altre case automobilistiche, tra cui Ford, General Motors, Nissan, BMW, Audi, Volvo, Toyota e altre stanno investendo pesantemente nei loro programmi di veicoli automatici.

Leggi anche:  Clamoroso ma vero: Google potrebbe pagare 2,7 miliardi di sterline ai possessori di iPhone

Apple, dal canto suo, ha fatto sapere che sta sviluppando un veicolo autonomo, anche se non ha confermato i progetti diretti a commercializzarlo.

Negli Stati Uniti sono già al lavoro per sviluppare linee guida nazionali di base per la sperimentazione e la diffusione di veicoli senza conducente e Google è stato un membro chiave del gruppo industriale spingendo per questi standard.

Waymo è attualmente dotata di una flotta di 100 camion Chrysler ibridi con sensori e computer che presto si uniranno a circa 60 prototipi di veicoli autonomi in fase di sperimentazione nella Silicon Valley, ad Austin in Texas, Kirkland, Washington e Phoenix, in Arizona. La società non ha ancora rivelato quando e come inizierà a generare reddito e Krafcik ha rifiutato di discutere i piani di business specifici. Ad ogni modo, Waymo rimarrà con sede a Mountain View.

La società ha dimostrato che la sua tecnologia è in grado di garantire più di 1.600 chilometri di guida simulata al computer e, da novembre, ha percorso 3.700.000 di chilometri autonomamente e nel “mondo reale”. Dal momento che Google ha cominciato a testare i sistemi di veicoli senza conducente – era il 2009 – la tecnologia è avanzata al punto che il suo uso nella realtà è molto, molto vicino. “Siamo una società dedita alla tecnologia autonoma. Siamo stati molto chiari in merito al fatto che non siamo una società che sviluppa macchine“, ha detto Krafcik. “Non siamo nel business di fare le auto migliori, siamo nel business di fare i migliori piloti“.