exposanità 2
Foto da Exposanità

Innovazione e nuove tecnologie sono stati i temi protagonisti della ventesima edizione di Exposanità, la mostra internazionale al servizio della sanità e dell’assistenza che si è tenuta dal 18 al 20 maggio 2016 a Bologna.

La riflessione che i massimi esperti del settore medico sanitario hanno affrontato durante questi tre giorni di workshop, seminari e conferenze ha riguardato principalmente la necessità di un vero e proprio cambiamento di rotta sul fronte dell’organizzazione delle strutture ospedaliere e sanitarie, al fine di apportare maggiori benefici sia ai pazienti che alle strutture stesse.

Applicare il metodo del lean thinking in sanità sembra essere la strategia vincente se si vuole offrire alla popolazione un servizio sempre più efficiente sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo.

Questa necessità è stata condivisa anche dall’Argentina – Paese ospite di questa ultima edizione della manifestazione – che, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna e l’Università degli Studi di Bologna, ha infatti deciso di monitorare il proprio sistema sanitario nazionale e cercare nuove soluzioni per migliorare non solo l’organizzazione interna delle singole realtà ospedaliere e ambulatoriali, ma anche l’offerta delle prestazioni.

Evitare gli sprechi, snellire il processo di cura tra medico e paziente e rendere ambulatori e ospedali delle strutture di successo sono esigenze dettate anche da uno sviluppo tecnologico sempre più crescente in questo settore. Non è infatti un caso che ad attrarre maggiormente il pubblico di Exposanità siano stati i software e gli scanner 3D o la sala operatoria ibrida dedicata alla cardiochirurgia.

exposanità
Foto da Exposanità

Il progresso in ambito medico-sanitario coinvolge anche il mondo della geriatria, sul quale si è discusso all’interno del Salone della Terza Età: homecare, invecchiamento attivo e telemedicina sono solo alcuni dei temi trattati durante la tre giorni di Exposanità.

La manifestazione ha toccato anche un altro grande tema fondamentale, quello della prevenzione delle malattie non trasmissibili. Le principali associazioni come LILT, Airc e Diabete Italia hanno permesso ai visitatori di Exposanità di raccogliere informazioni ed effettuare screening gratuiti. Una struttura sanitaria ben organizzata deve infatti rivolgersi sempre di più al paziente e alle proprie esigenze, rendendo anche l’esperienza di prevenzione, oltre che a quella di cura, un valore aggiunto alla propria vita.