GranitePhone
Fonte: granitephone.com

Archos ha aperto il pre-ordine del GranitePhone, uno smartphone super sicuro realizzato in partnership con Sikur (compagnia brasiliana). Come per il BlackPhone, il device dispone di un sistema operativo, basato su Android, progettato ad hoc per la sicurezza e la privacy che, per esempio, cripta tutti i dati presenti sul dispositivo.

Forse non lo ricorderete ma al Mobile Word Congress 2015 (MWC 2015) Archos, produttore francese, aveva presentato – seppur mantenendo un basso profilo – uno smartphone chiamato GranitePhone. Il device, realizzato dalla compagnia d’oltralpe assieme a Sikur, una compagnia brasiliana, si presenta come uno smartphone super sicuro. Ora sta per essere rilasciato e può essere pre-ordinato alla modica cifra di 849$ (circa 750€ al cambio) direttamente sul sito dedicato, granitephone.com.

A questo prezzo, ci si aspetta sicuramente un dispositivo dalle caratteristiche tecniche importanti, eppure il GranitePhone si presenta in realtà come un dispositivo di fascia media. Infatti, questo device presenta:

  • display da 5 pollici da 1080p;
  • processore Snapdragon 615 octa-core;
  • 2 GB di RAM;
  • 16 GB di memoria interna (espandibile con micro SD);
  • fotocamera frontale da 8 MP e posteriore da 16 MP;
  • connettività LTE.
Leggi anche:  NPU, l'intelligenza artificiale nasce da Mate 10 Pro ma arriverà su tutti gli smartphone

Il comparto tecnico richiama molto quello del Diamond 50, altro modello di fascia media di Archos, che viene venduto a circa 250€.

Tuttavia, non c’è da stupirsi in quanto Archos, con il GranitePhone, ha voluto puntare tutto sulla sicurezza e sulla privacy più che sulle prestazioni e crede che per molti utenti sia più importante questo piuttosto che avere il top delle prestazioni.

Il dispositivo, come il BlackPhone prima di lui, promette di offrire un’esperienza d’uso dello smartphone in completa sicurezza e privacy grazie a un sistema operativo, basato su Android, sviluppato ad hoc. Come è possibile aspettarsi, tutti i dati presenti sul device (chiamate, messaggi, files, eccetera) vengono criptati grazie a un sistema di protezione organizzato su vari livelli.

Al momento non sono ancora disponibili dettagli specifici in merito alle caratteristiche di questo sistema operativo, e possiamo anche capire perché, ma possiamo dare un primo sguardo all’interfaccia grazie al video di presentazione, disponibile di seguito.

E voi, per 849$ cosa prediligereste: la tutela della vostra privacy o un bel top di gamma all’ultimo grido?