apple

Apple Music fa il suo debutto oggi, a partire dalle 17 in Italia, con l’aggiornamento ad iOS 8.4 sugli iPhone e iPad si vedrà la nuova icona sui display che permetterà di provare il servizio di streaming musicale per tre mesi gratuitamente.

La notizia si oggi è l’arrivo di Apple Music, il nuovo servizio di streaming musicale offerto da Apple. Dopo l’acquisizione lo scorso anno di Beats di Dr. Dree, a Cupertino hanno lavorato sul nuovo progetto che porta la mela morsicata per la prima volta nel settore della musica in streaming. Dopo le iniziali problematiche legate agli accordi con le case discografiche, ed oggetto delle attenzioni della legge statunitense, e i problemi di copyright portate agli onori della cronaca da Taylor Swift, il servizio parte oggi 30 giugno in 100 Paesi.

Apple Music si va a scontrare con altri competitor agguerriti e che sono sul mercato da molto più tempo e quindi possono contare su un’utenza affezionata. Oltre che sulle abitudini personali molta differenza la faranno le offerte proposte. Con Apple Music dopo i primi tre mesi di prova si dovrà pagare un abbonamento di 9,99€ oppure 14,99€ per l’abbonamento Family a cui si possono collegare fino a 6 account.

Leggi anche:  'SMS Connect' su Android 8.1 Oreo: ecco come gestire gli SMS sui Chromebook

Google ha da poco modificato la sua offerta proprio per contrastare l’arrivo nel settore del concorrente e ora oltre all’abbonamento mensile a 9,99€ è possibile usufruire anche di una versione gratuita con inserzioni pubblicitarie esattamente come fa Spotify da tempo. È proprio Spotify uno dei maggiori rivali di Apple con i suoi 75 milioni di utenti attivi e 20 milioni di abbonati. Tra l’altro Spotify sta anche ampliando la sua offerta con notiziari e Playlist dedicate alle diverse attività della giornata.

In questo calderone non dobbiamo dimenticare anche Deezer che offre una versione free e una premium e Youtube Music Key che possono portare via utenti ad Apple Music. Come sempre a stabilire il successo o meno di un servizio saranno gli utenti che in Italia difficilmente si abitueranno all’idea di dover pagare per ascoltare la musica che si può avere gratis in un’infinità di modi.