music-streaming-copy

La maggior parte della musica che oggi ascoltiamo è in formato compresso MP3. Ma siamo capaci di riconoscere un suono compresso, e tecnicamente di qualità inferiore, da uno in HD?

E’ molto difficile reperire musica che non abbia subito una compressione e si presenti in “purezza”. Il formato MP3 occupa poco spazio e, se parliamo di musica in streaming, consuma molti meno dati di un formato in HD come il FLAC (Free Losseless Audio Codec).

Qual è innanzitutto la differenza fra questi due formati? Quando utilizziamo una compressione di tipo MP3, automaticamente il convertitore audio riconosce alcuni dati come “irrilevanti” e li elimina dal file sonoro alleggerendolo e rendendo meno ingombrante la sua archiviazione.

Il formato FLAC invece ha proprio la caratteristica di non eliminare alcun dato dal file in questione, lasciando tutti i dettagli del suono in purezza.

Al momento, la maggior parte dei siti web che offrono servizi di musica in streaming non utilizzano formati HD, ad eccezione dell’abbonamento premium lanciato da Tidal che costa ben il doppio del normale (19.99 dollari al mese!).

C’è una differenza pratica fra musica in formato MP3 e musica in HD?

La risposta è no. A meno di avere orecchie finissime e costosissimi dispositivi, nel quotidiano è praticamente impossibile accorgersi delle impercettibili differenze fra un tipo di suono e l’altro. Per fare la differenza quando ascoltiamo musica, è più che altro necessario affidarsi a dei buoni riproduttori ed output audio che possano garantire una fedele riproduzione del suono.

Leggi anche:  Disney contro Netflix: "Il nostro servizio sarà più economico"
Non comprimere in MP3 è inutile e rende i file molto più ingombranti

Perché mai quindi, se non c’è differenza, dovremmo affidarci a formati pesanti ed ingombranti per ascoltare musica? Non ha senso, grazie agli MP3 possiamo archiviare moltissima musica sui nostri dispositivi ed ascoltare con più fluidità dei brani in streaming.

quizz-audio
Non sei ancora sicuro? Mettiti alla prova!

Sul sito NPR è possibile completare un quiz dedicato proprio all’argomento. Potrai ascoltare dei brani e decidere quale sia la versione in HD e quale quella compressa. Mettiti alla prova, magari sei un talento e non l’hai ancora scoperto! (è ufficiale, io non lo sono!! 😀 ). Per fare il quiz cerca di munirti di casse o cuffie di buona fattura se le possiedi, l’audio risulterà ancora più pulito.