spartan-primes-hackers

Microsoft sembra non voglia correre rischi e pare essersi organizzata. Il gigante di Redmond è disposto a pagare fino a 15.000$ a chiunque sarà capace di trovare dei bug nel suo nuovo browser web Spartan.

Il nuovo browser sarà lanciato con Microsoft 10 e l’azienda desidera che sia tutto perfetto, per questo le ricompense per chiunque aiuterà nel progetto saranno laute.

Il gigante di Redmond è stato però attento ai dettagli: per non creare equivoci ha creato una dettagliata tabella con il “valore” di ogni singola falla trovata ed un programma che spiega quali soggetti possono partecipare al programma e quali no. Non ci sono grandi restrizioni, basta avere 14 anni almeno e non lavorare (o aver lavorato) per Microsoft. Nemmeno i parenti prossimi di chi collabora con l’azienda sono inclusi.

spartan-primes-failles

La versione ufficiale del browser non è ancora disponibile, pertanto chiunque volesse partecipare alla caccia al tesoro (ops, al bug 🙂 ) dovrà necessariamente scaricare la versione “preview” disponibile per tutti.

Bene, nel caso vi sentiate pionieri, ed abbiate voglia di aiutare Microsoft a scrollarsi di dosso l’ombra dello storicamente inefficiente browser Internet Explorer, questo è il programma completo per partecipare allo studio di Spartan. Il limite di presentazione di bug o falle è il 22 giugno.