WhatsApp-virus

Nel Sud dell’ Iran nella provincia di Shiraz sono state arrestate 11 persone colpevoli di aver insultato il fondatore della Repubblica Islamica l’ ayatollah Ruhollah Khomeini su WhatsApp.

Il generale Esmail Mohebipour comandante dei Guardiani della Rivoluzione di Shiraz ha dichiarato che dopo aver monitorato le applicazioni utilizzate sugli smartphone come ad esempio Viber, Tango e il famoso WhatsApp sono state arrestate undici persone. Ricordiamo che poche ore fa in Iran era stato imposto alla popolazione di Teheran il divieto di utilizzare le app di messaggistica istantanea per limitare l’ espandersi di messaggi contro Ruhollah Khomeyni, il fondatore della Repubblica islamica.

WhatsApp in Iran era già stato oscurato a Maggio insieme ai maggiori social network Facebook, Twitter e YouTube, poi Hassan Rohani ha fatto vari tentativi per eliminare la censura ma il fronte conservatore ha dichiarato che le app di messaggistica istantanea sono “fonti di deviazione morale per la società iraniana”, a fronte di questa decisioni milioni di persone aggirano il problema continuando ad utilizzarle, e voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.

Leggi anche:  WhatsApp: la pericolosa truffa che vi taglia 100 Euro dal conto in banca

Via