marketwatch_smartphones_30k_cover_640x360

 

Al giorno d’oggi siamo bombardati costantemente dalla tecnologia, tanto che non riusciamo più a farne a meno. Ci sono però dei passi che permettono di disintossicarsi da questa dipendenza.

I suggerimenti per liberarci dalla dipendenza tecnologica arrivano da Daniel Sieberg, autore di ‘La dieta digitale: il piano a 4 passi per interrompere la dipendenza dalla tecnologia e riguadagnare equilibrio nella vostra vita.’ Egli spiega come limitare il tempo speso sui social network, e-mail, smartphone e tablet, vincendo la dipendenza dalla tecnologia. Ecco quali sono i passi per farlo.

  •  Non caricare lo smartphone in camera da letto. Caricarlo in qualsiasi altro luogo della casa. Non solo sappiamo che la luce dallo schermo può interferire con il ritmo circadiano e del sonno, non avendo il telefono vicino al letto permette di prendersi delle pause naturali giornaliere da esso. Senza pensare che la presenza del telefono in camera da letto spesso finisce per distogliere l’attenzione dal proprio partner per rivolgerla al telefono, cosa che dovrebbe davvero farci pensare.
  •  Calcola il tuo “Virtual Weight Index” (VWI). Proprio come un indice di massa corporea alto pesa sul tuo corpo, unVWI alto pesa sulla mente. Conoscere questo peso aiuta ad individuare dove si può intervenire per “perdere peso”. Per calcolare questo indice bisogna assegnare dei punti per ogni interazione digitale. Oltre 36 punti, l’indice VWI si considera alto. I punteggi vengono assegnati così: Interazioni con Smartphone (3 per ciascuno), social network (4 ciascuno), computer portatili / desktop / e-reader / fotocamera digitale (1 ciascuno), dispositivo utilizzato per scrivere (5 ciascuno), tablet  (2 ciascuno), account di posta elettronica (2 ciascuno) , i giochi online (7 ciascuno), blog che si scrivono o su cui si commenta regolarmente (2 ciascuno).
  • Definisci il tuo e-day. Per disintossicarsi può risultare molto utile organizzare con precisione la propria giornata, anche per quanto riguarda l’avere a che fare con la tecnologia. Bisogna quindi decidere quando si possono usare determinati dispositivi tecnologici e seguire quanto stabilito senza mai sgarrare. Lo stesso vale per i momenti nei quali non si deve permettere l’utilizzo di tali device, per esempio in vacanza o nel fine settimana.
  • Mai mettere il telefono tra voi e un amico. Un telefono interrompe la conversazione e le interazioni personali senza che nemmeno ce ne rendiamo conto. Perciò è meglio asciare il telefono in una borsa o in tasca se non è fondamentale averlo con sè e, in quest’ultimo caso, è buona cosa mettere al corrente i presenti della situazione d’emergenza. Si può anche fare un gioco molto divertente coi propri amici, che consiste nel raccogliere tutti i telefoni al centro del tavolo e resistere alla tentazione di prenderlo o guardarlo. Chi cede e perde paga il conto per tutti!
  • Impiegare un aiutante elettronico. Se non riesci a farlo da solo, ironia della sorte, la tecnologia stessa ti può aiutare a controllarne l’uso non permettendo l’accesso a determinati siti in determinati momenti, come fa l’app RescueTime, disponibile per PC, MAC, Android e Linux.

E voi avete altri suggerimenti per disintossicarsi dalla tecnologia?

via