lg-logo-stock_1020.0_cinema_1200.0

Oltre al Galaxy Note 4, l’attenzione degli utenti di tutto il mondo è rivolta verso il nuovo top di gamma: LG G3. Nel corso delle settimane in rete si sono susseguite indiscrezioni, smentite e conferme, eccole riassunte in un unico articolo.

Estetica

Sebbene ufficialmente in molti abbiano messo più volte in dubbio l’effettivo nome G3, ricordiamo che LG ha registrato il marchio e promesso una serie “crescente”, quindi tutto lascia davvero pensare che il nuovo top di gamma sarà proprio LG G3. Recentemente, grazie ad una fonte interna che si pensa abbia visto coi propri occhi lo smartphone, si è molto parlato dell’aspetto estetico.

Schermo da 5.5 pollici, con bordi estremamente “sottili” quasi invisibili e, quasi per continuare la tradizione del G2, l’azienda sembra introdurrà i tasti fisici solamente sulla parte posteriore del device. Il corpo, invece, a dispetto di quanto visto con i device Samsung, sarà completamente in policarbonato, con la possibilità di vederlo ricoperto da un lieve livello di plastica liscia opaca al posto di quella lucida del precedente modello.

La cover posteriore sarà questa volta rimovibile (verrà quindi introdotta la possibilità di aggiungere memoria tramite microSD?). L’ultima caratteristica estetica interessante sarà la presenza di una luce LED direttamente sul pulsante di sblocco.

Leggi anche:  Apple ed LG insieme per l'iPhone del futuro: sarà pieghevole

Hardware

Considerando solamente le specifiche tecniche, torniamo a parlare del display. Questi, oltre che essere da 5,5 pollici, sarà QHD ed avrà una risoluzione davvero interessante: 1440 x 2560 pixel. 

Uno degli aspetti di maggiore interesse del nuovo LG G3 sarà la presenza di oltre 3 GB di memoria RAM; considerando che, ad oggi, sul mercato la maggior parte dei device presentano, al massimo 2 GB, pensare ad uno smartphone con tale capacità, è davvero impressionante.

Il processore, LG non vuole proprio farsi mancare niente, sarà il nuovissimo Qualcomm Snapdragon 805 con frequenza di clock a quasi 2 GHz. La scelta di basarsi nuovamente su Qualcomm è più che sensata, tutti gli smartphone di fascia alta integrano Nvidia o Qualcomm, quindi perché abbandonare questa linea, nonostante i prezzi di acquisto siano molto elevati?

Le ultime specifiche hardware riguardano la resistenza all’acqua (ormai diventata prassi comune realizzare smartphone con tale certificazione) e l’introduzione dello scanner biometrico.

Altro, al momento, non è possibile sapere, ma nel frattempo voi cosa ne pensate dell’ipotetico LG G3?