wwdc-2013

Al WWDC 2013 Tim Cook il CEO di Apple è salito sul palco ed ha subito iniziato a parlare di … iOS 7? no di Android!

Si il primo argomento per il capo della Apple è stato Android. Tim Cook ci ha tenuto a mostrare un grafico in cui si vede come Android ha diverse versioni ancora attive su molti dispositivi e che solo il 33% di questi è dotato dell’ultima versione Jelly Bean. Ovviamente accanto a questo dato impietoso era ben distino, in colori vivi, il 93% dei dispositivi Apple con l’ultima versione iOS la 6. La questione è ben più complessa di un semplice grafico dato che un confronto onesto andrebbe fatto con i prodotti Nexus e non con i dispositivi Android in generale.

ios-android

Se Samsung aggiorna i suoi dispositivi un anno dopo il rilascio di una nuova versione Androd non è certo colpa di Google. Ancora, c’è da dire che la quantità di terminali Android è praticamente infinita soprattutto se paragonata ai pochi dispositivi della Apple. Credo sia molto indicativo questo intervento di Tim Cook che evidentemente sente la pressione di avere un avversario che lo ha superato nelle vendite e che sta portando diversi applefan a preferire il robottino verde.

Leggi anche:  Google ha assunto l'ex Data Center Intel come COO di Google Cloud

Una dimostrazione della bontà dell’OS Android, semmai ce ne fosse bisogno, sta nel fatto che iOS 7 ha copiato spudoratamente la barra delle notifiche Android/Samsung. Di certo verrà spacciata come una straordinaria rivoluzione del nuovo OS Apple e che mai prima d’ora si era vista una cosa del genere, poi un giorno o l’altro scopriranno, così, per caso che anche la maggioranza degli smartphone Android ne sono dotati e intenteranno causa per violazione dei brevetti (che ormai è diventata una cosa ridicola).

Per concludere voglio far presente anche un’altra cosa che mette ancora di più in cattiva luce Tim Cook e di conseguenza la Apple tutta. Durante il Google I/O o alla presentazione di un nuovo Nexus, Google non ha mai preso di mira Apple o nessun altro, a dimostrazione che chi fa bene il suo lavoro ottiene risultati senza dover denigrare i propri concorrenti.

via