Fujifilm X-H2 è una fotocamera mirrorless APS-C da 40 MP di fascia alta per foto e video. I suoi alambicchi ad alta risoluzione e le capacità video in 8K, sono in contrasto con le riprese ad alta velocità e le capacità di lettura rapida 4K del suo modello gemello X-H2S.

Design, materiali ed ergonomia:

Fujifilm X-H2 non è una fotocamera di grandi dimensioni, ma ha una presa profonda per un grip davvero sicuro e c’è una discreta quantità di spazio attorno ai controlli. Questi non seguono i tradizionali controlli esterni della Fujifilm X-T4, ma invece questa fotocamera passa a un quadrante in modalità convenzionale (come X-H2S). Fujifilm X-H2 ha 7 impostazioni personalizzate (C1-C7). Interessante questa scelta di Fujifilm di optare per una personalizzazione approfondita piuttosto che un telaio coperto di pulsanti.

Qualitativamente si vede che è costruita con ottimi materiali ed è molto robusta. Inoltre ha una certificazione che ne garantisce il funzionamento anche sotto i 10°C ed è resistente a polvere e umidità. In mano si sente di avere un corpo solido e affidabile.

Tutti i puristi Fujifilm non ameranno la scelta dell’azienda di adottare un design più user-friendly, eliminando le classiche ghiere analogiche. Un aspetto tuttavia, che pone questa camera, all’attenzione di un pubblico più vasto.

L’EVF (mirino elettronico) a 5,76 milioni di punti è molto nitido e chiaro, come ci si aspetterebbe da quella risoluzione. Inoltre è OLED e garantisce un’ottima visione anche di sera. Lo schermo posteriore è molto buono, è bello avere uno schermo completamente inclinabile in varie direzioni. Questo verrà molto apprezzato soprattutto dai videomaker.

Il pannello di visualizzazione dello stato nella parte superiore della Fujifilm X-H2 è particolarmente buono e vale la pena rinunciare alla velocità dell’otturatore e ai quadranti ISO. I numeri sono grandi e chiari e il display bianco su nero ha il giusto contrasto, per tenere sempre sotto controllo le impostazioni principali.

Specifiche tecniche principali:

  • Sensore: 40MP APS-C X-Trans 5 HR BSI;
  • Processore di immagine: X-Processor 5;
  • Montante: Fujifilm X-mount;
  • Gamma ISO: 64 – 51.200;
  • Velocità dell’otturatore: 15 minuti – 1 / 180.000sec;
  • Stabilizzazione dell’immagine: IBIS a 5 assi;
  • Dimensione massima dell’immagine: 7.728 x 5.152 pixel;
  • Risoluzione video massima: 8K 30p, 6.2K 30p, 4K 60p, 1080 120p;
  • Mirino: 5,76 milioni di punti OLED;
  • Scheda di memoria: 2 slot: 1 x schede CFexpress di tipo B, 1x SD UHS-II;
  • LCD: Touchscreen ad angolo variabile, punti 1,62 m;
  • Scoppio massimo: 20 fps elettronico, meccanico 15fps;
  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth, HDMI, USB-C, microfono da 3,5 mm, cuffia da 3,5 mm, telecomando da 2,5 mm;
  • Dimensioni: 136,3 x 92,9 x 84,6 mm;
  • Peso: circa 660 g (batteria inclusa);

Fujifilm X-H2 utilizza la stessa combinazione di slot per schede SD compatibili con CFexpress di tipo B e UHS-II. Come su X-H2S, lo slot CFe si rivela utile quando si registrano video, specialmente nei formati ProRes, pesante per i dati. Unica nota negativa di questo slot per schede SD è che non si può fare il backup del lavoro, già in camera.

Il nuovo sensore CMOS da 40 MP:

La più grande novità della Fujifilm X-H2 è l’uso di un nuovo sensore CMOS BSI da 40,2 MP, il chip ad alta risoluzione che abbiamo mai visto in una fotocamera consumer. Un sensore BSI non offre i significativi vantaggi di velocità del chip CMOS impilato nell’X-H2S, ma è probabile che fornisca un rumore di lettura leggermente inferiore, consentendo allo stesso tempo alla fotocamera di essere meno costosa.

Il passaggio a un sensore da 40 MP offre alla Fujifilm X-H2 abbastanza pixel per fornire video 8K dall’intera larghezza del suo sensore, a framerate fino a 30 p. C’è anche una modalità 4K ‘HQ’ sovracampionata 2:1 presa da questa acquisizione 8K o una versione sottocampionata che può essere girata fino a 60p.

Se 8K è più di quello che state cercando, la fotocamera offre una modalità 6.2K che sembra anche essere sovracampionata e derivata dall’uscita 8K. È interessante notare che il filmato in 6.2K è nelle proporzioni 16: 9 comunemente usate nel video, a differenza della modalità con nome simile nell’X-H2S che produce l’output 3:2 più alto a forma di foto.

Fujifilm ha già una modalità ad alta risoluzione pixel-shift nelle sue fotocamere GFX di medio formato, ma questa è la sua prima apparizione in una fotocamera con un modello di filtro a colori X-Trans. Il modello di ripetizione meno frequente significa che la fotocamera deve acquisire 20 immagini per ottenere un movimento del sensore a pixel singolo tra ciascuna, ma il risultato finale è un insieme di file che possono essere combinati in un’immagine da 160 MP utilizzando il software scaricabile “Pixel Shift Combiner.

Autofocus:

Fujifilm X-H2 offre la stessa gamma di modalità di messa a fuoco automatica per il riconoscimento dei soggetti della X-H2S. Anche qui le modalità di riconoscimento del soggetto sono completamente distinte dalle modalità di tracciamento del viso e degli occhi della fotocamera, quindi dovrete assegnare due pulsanti personalizzati se desiderate un rapido accesso ad entrambi. La fotocamera non ritorna alla modalità precedentemente utilizzata se si attiva il rilevamento faccia / occhio o soggetto e si spegne.

Assegnare un pulsante per attivare il tracciamento dei soggetti non vi dà un modo per passare da una modalità all’altra; per farlo dovrete usare il menu Q o principale. Abbiamo scoperto che le modalità di riconoscimento dei soggetti funzionano generalmente bene sulla Fujifilm X-H2. Qui siamo decisamente a uno step successivo rispetto al passato, per quanto riguarda la messa a fuoco automatica.

Batteria e autonomia:

Fujifilm X-H2 utilizza la stessa batteria NP-W235 dei modelli X-H2S, X-T4 e alcune GFX. Offre una capacità di 16 Wh abbastanza sostanziale, con un’autonomia dichiarata di poco superiore ai 500 scatti. Questo è un numero molto impressionante e suggerisce che la fotocamera è meno affamata di potenza rispetto alla X-H2S. Una valutazione così alta significa che solo i lavori più esigenti (come un matrimonio) rischiano probabilmente la capacità della batteria, poiché è comune raggiungere più del doppio del numero nominale di 500 scatti.

L’impugnatura verticale VG-XH opzionale aggiunge capacità per due batterie extra, aumentando la durata della a 1.600 scatti circa. Se tutto il resto fallisce, potete anche alimentare la fotocamera direttamente da una sorgente USB-C PD adeguatamente potente.

Qualità delle immagini:

Tutte le immagini di esempio in questa recensione sono state scattate utilizzando l’impostazione JPEG fine da 40,2 megapixel, che fornisce una dimensione media dell’immagine di circa 18 Mb.

Fujifilm X-H2 ha prodotto immagini di qualità eccezionale. Registra immagini JPEG senza rumore da ISO 64 a ISO 3200, con un po’ di rumore a ISO 6400 e un rumore più visibile alle impostazioni di ISO 12800 e 25600. Prestazioni straordinarie per una fotocamera con un sensore APS-C da 40 megapixel. Anche i file RAW sono eccellenti, mostrando più rumore rispetto alle loro controparti JPEG ma producendo comunque immagini molto utilizzabili a ISO 64-6400.

La fotografia notturna è stata eccellente, con la massima velocità dell’otturatore di 30 secondi sufficientemente lunga per la maggior parte degli scatti dopo il tramonto e la modalità Bulb che consente esposizioni molto più lunghe, se necessario. Le impostazioni di Dynamic Range e HDR migliorano delicatamente i dettagli nell’ombra e nei punti salienti.

Fujifilm X-H2 ha tre impostazioni di gamma dinamica – 100% (per impostazione predefinita), 200% e 400% – e un’impostazione Auto se si desidera consentire alla telecamera di assumere il controllo.

Queste impostazioni aumentano gradualmente la quantità di dettagli visibili nell’ombra e evidenziano le aree, con l’effetto collaterale di più rumore che appare nell’immagine. Si noti che non è possibile disattivare effettivamente questa funzione. Tutte e tre le impostazioni sono disponibili da ISO 500 in poi.

Lo stesso vale per i video che registrerete con la Fujifilm X-H2, il limite che vi consigliamo di ISO, per non avere rumore nelle immagini, è di 3200. Inoltre su questa camera trovate il nuovo formato FLog2 che vi consente di catturare ancora più gamma dinamica rispetto al passato. Questo si traduce in possibilità creative ancora superiori in post produzione.

Conclusioni e prezzi:

Il 2022 è stato un grande anno per Fujifilm con il lancio di due fotocamere APS-C di punta: X-H2S incentrata sulla velocità e ora la X-H2 incentrata sulla risoluzione.

Entrambi i modelli rappresentano l’apice assoluto di ciò che Fujifilm può attualmente ottenere con un sensore APS-C e sono abilmente supportati da un lungo elenco di obiettivi eccellenti, superando di gran lunga ciò che artisti del calibro di Canon, Nikon e Sony hanno da offrire con i loro sistemi equivalenti.

In effetti, i due nuovi modelli X-H sono così buoni che rappresentano anche un’alternativa molto più economica, ma comunque di altissima qualità, ai sistemi full frame dei loro rivali, offrire livelli comparabili di velocità e risoluzione senza dover rompere la banca.

Potete acquistare la nuova Fujifilm X-H2 ad un prezzo di listino di 2,299 €, tuttavia su Amazon trovate spesso offerte che abbassano il suo prezzo anche di 100 – 150 euro. Un prezzo onesto a nostro avviso e perfettamente in linea con il periodo storico che stiamo vivendo.

Fujifilm X-H2

2,190,00 €
8.8

Estetica e Design

9.5/10

Sensore e otturatore

9.0/10

Software

7.5/10

Qualità immagine

9.0/10

Prezzo

9.0/10

Pro

  • Compatta ed ergonomica
  • Super versatile
  • Buona autonomia
  • Riprese in 8K a 30 fps

Contro

  • Menu poco chiari e intuitivi
  • No doppia scheda SD standard per backup in camera
Articolo precedenteVecchio smartphone come trackpad per PC, ecco come
Articolo successivoiPhone 15 Plus sarà più economico di iPhone 14 Plus
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.