francesi hanno scoperto un virus vecchio di 48500 anni

Degli scienziati francesi hanno rianimato un virus di 48.500 anni sepolto sotto un lago ghiacciato in Russia.

Il New York Post ha riferito che gli scienziati francesi hanno suscitato timori di un’altra pandemia dopo aver rianimato un virus chiamato “zombie”.

Il New York Post ha citato uno studio che deve ancora essere sottoposto a revisione paritaria. “La situazione sarebbe molto più disastrosa nel caso di malattie vegetali, animali o umane causate dalla rinascita di un antico virus sconosciuto“, si legge nello studio.

Secondo il rapporto preliminare, il riscaldamento globale sta irrevocabilmente scongelando enormi distese di permafrost, un terreno permanentemente ghiacciato che copre un quarto dell’emisfero settentrionale. Ciò ha avuto l’effetto inquietante di “rilasciare materiali organici congelati da un milione di anni”, germi mortali inclusi.

“Parte di questa materia organica è costituita anche da microbi cellulari rianimati (procarioti, eucarioti unicellulari) e da virus che sono rimasti dormienti sin dalla preistoria“, scrivono i ricercatori.

Secondo il rapporto, gli scienziati hanno, forse stranamente, rianimato alcuni di questi cosiddetti “virus zombi” dal permafrost siberiano per indagare sulle creature che si stanno risvegliando.

Iedoma da pandoravirus

Il più antico, il Pandoravirus yedoma, aveva 48.500 anni, un’età record per un virus congelato che ritorna in una forma in cui può infettare altre creature. Questo batte il precedente record di un virus di 30.000 anni identificato in Siberia dagli stessi scienziati nel 2013.

Il nuovo ceppo è uno dei 13 virus descritti nello studio, ciascuno con il proprio genoma, secondo Science Alert.

Mentre il Pandoravirus è stato scoperto sul fondo di un lago a Yukechi Alas, Yakutia, Russia, altri sono stati scoperti ovunque, dalla pelliccia di mammut agli intestini del lupo siberiano.

Gli scienziati hanno scoperto che tutti i “virus zombi” hanno il potenziale per essere infettivi e quindi rappresentano un “pericolo per la salute“.

Credono che le pandemie in stile COVID-19 diventeranno più comuni in futuro poiché lo scioglimento del permafrost rilascerà virus a lungo dormienti.

“È quindi legittimo riflettere sul rischio che antiche particelle virali rimangano infettive e tornino in circolazione dallo scongelamento di antichi strati di permafrost“, afferma il rapporto.

Sfortunatamente, è un circolo vizioso poiché la materia organica rilasciata dallo scioglimento dei ghiacci si decompone in anidride carbonica e metano, aumentando ulteriormente l’effetto serra e accelerando lo scioglimento.

Il virus appena scongelato potrebbe essere solo la punta dell’iceberg epidemiologico, poiché probabilmente ci sono altri virus in letargo ancora da scoprire.

FONTEgulfnews.com
Articolo precedenteDati ITU 2022: ecco quante persone sono connesse ad internet, ma il costo resta un problema
Articolo successivoEsselunga è infinita, anche oggi i prezzi sono quasi gratis sulla tecnologia
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it