Candela, P-8 Voyager, hydrofoil, Venezia

Nel corso del Salone Nautico di Venezia, ha fatto il proprio debutto il Candela P-8 Voyager. L’azienda con base a Stoccolma ha presentato al mondo il primo taxi acquatico dotato di motore elettrico che è in grado di “volare”.

Il funzionamento del P-8 Voyager si basa sul sistema hydrofoil di nuova generazione sviluppato da Candela che permette all’imbarcazione di sollevarsi sul livello dell’acqua. Questa configurazione permette di ridurre gli attriti e quindi consente di viaggiare più velocemente e con consumi ridotti.

L’obiettivo del produttore è quello di rendere il P-8 Voyager il nuovo punto di riferimento per gli spostamenti nella Laguna di Venezia. Il taxi acquatico potrebbe prendere il posto delle imbarcazioni tradizionali per lo spostamento dei passeggeri.

 

Il Candela P-8 Voyager potrebbe rivoluzionare completamente il modo di spostarsi tra i canali di Venezia grazie ai foil e al motore elettrico

Trattandosi di un veicolo elettrico, si andrebbero a sostituire i classici motori a combustione interna, riducendo così anche l’inquinamento dell’aria e dell’acqua. Inoltre, un aspetto non certamente secondario è legato alle onde prodotte che, in fase di volo, sono decisamente meno intense rispetto ad una imbarcazione tradizionale.

Candelaha sviluppato il P-8 Voyager partendo dal proprio best-seller C-8. Il sistema di hydrofoil è simile ed è realizzato da oltre 50 ingegneri che hanno maturato la propria esperienza in diversi settori. Non appena si raggiungono i 16 nodi, l’imbarcazione decolla e può viaggiare sui foil. Grazie ad un sistema automatico, il P-8 Voyager è in grado di regolare autonomamente l’incidenza dei foil per mantenere il giusto assetto. I controlli vengono effettuati con una velocità di 100 volte al secondo per controllare beccheggio, rollio e altezza di volo.

Il Candela P-8 Voyager può viaggiare ad una velocità di crociera di 20 nodi e raggiunge una velocità massima di 30 nodi. La lunghezza della barca è di 8,5 metri (28 piedi) e permette di viaggiare con sei persone a bordo più l’equipaggio. Il design e la meccanica è ottimizzata per richiedere una manutenzione minima e garantire 3.000 ore senza interventi da parte dell’assistenza.

Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger